Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 11 dicembre 2017
Articolo di: martedì, 24 aprile 2012, 7:22 p.

L’orso potrebbe essere ancora in Valle Strona

La Polizia Provinciale del Vco sulle tracce dell’animale avvistato a febbraio

VALLE STRONA – Potrebbe essere alto 1 metro e 70 centimetri, taglia grossa, probabilmente un giovane esemplare che cerca nuovi territori. Sono i pochi dati si possono fornire finora sull’orso avvistato a Campello Monti nello scorso febbraio. A testimoniare l'avvistamento ci sono due fotografie scattate da una coppia mantovana e dal loro nipote, in vacanza in Valle Strona. I tre hanno raccontato alla Polizia Provinciale del Vco di aver scorto l’animale mentre stava mangiando qualcosa e di averlo visto scendere dal versante di fronte a loro, vicinissimo al paese, d’inverno praticamente disabitato. Il giorno seguente hanno scattato una foto di impronte sulla neve, sulla pista che porta all’Alpe Pennino. Per ora non c’è nulla di più concreto. La Polizia Provinciale, pur non avendo motivo di dubitare degli avvistatori, non può infatti confermare l’avvistamento se non saranno trovate tracce biologiche dell’orso. “La Polizia Provinciale su segnalazione degli avvistatori ha compiuto, nei giorni immediatamente seguenti all’osservazione, un sopralluogo, ripetendone un secondo ai primi di aprile, senza però rinvenire ulteriori elementi utili a confermare la presenza dell’orso. Ciò nonostante – commenta il Presidente Nobili, Assessore alla Polizia Provinciale – non c’è nulla che renda incredibile o inverosimile questa presenza, magari soltanto di passaggio”. Per l’orso sarebbe un ritorno: nel secolo scorso sono documentate le presenze proprio in Valle Strona con vari reperti fossili ritrovati nella Grotta delle Streghe di Sambughetto. “Gli orsi effettivamente possono spostarsi anche per centinaia di chilometri sotto spinta di quel meccanismo di dispersione che porta gli esemplari giovani a colonizzare nuovi territori. L'orso più a Ovest – spiega il comandante Marco Brondolo – è stato segnalato in Val Bregaglia e Valtellina (Lombardia), probabilmente proveniente dal Parco Naturale Adamello Brenta in provincia di Trento. Oltre alla segnalazione citata, non ne abbiamo ricevute altre ma non si esclude che, se davvero si trattava di un orso, possa essere ancora in zona”. Se confermato sarebbe davvero un avvistamento unico, perché è da anni che non si riscontra la presenza di orsi nella zona ovest delle Alpi. La presenza di questi animali riguarda infatti in Italia solo tre aree: Travisano, Alpi Carniche e Dolomiti Bellunesi.

Lucia Panagini 

 

Articolo di: martedì, 24 aprile 2012, 7:22 p.
^ Top