Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 21 gennaio 2018
Articolo di: sabato, 14 aprile 2012, 8:21 m.

La comunità ucraina di Borgomanero dona un quadro alla chiesa di San Giovanni

Il regalo in occasione della Pasqua, che i fedeli ortodossi stanno festeggiando in queste ore

BORGOMANERO – La numerosa comunità ucraina presente nel borgomanerese (solo in città al 31 dicembre 2011 i residenti erano 512 di cui 362 donne, per la maggior parte impegnate sul territorio come badanti e colf) in occasione della Pasqua ha donato alla Chiesa di San Giovanni in corso Roma - dove ogni sabato mattina alle 10,30 Padre Juri Ivanyutka celebra una messa - un quadro raffigurante il Cristo morto (nella foto di Panizza). Il dipinto è stato collocato su una parete del Coro della Chiesa accanto all’altare maggiore. Qualche settimana fa in occasione dell’8 marzo “Festa della donna” la comunità ucraina era balzata agli onori della cronaca per la simbolica assegnazione al “Coro delle donne ucraine” dell’annuale premio “Una donna” istituito nel 2007 dalla localesezione dei Soci Coop. “Un riconoscimento - avevano evidenziato i promotori dell’iniziativa – che va ad un progetto tutto femminile per la valorizzazione di una cultura e di una categoria lavorativa ormai indispensabile per la società italiana e che molto ricorda quello che un tempo gli stessi italiani erano degli emigranti”. Oggi, sabato 14 aprile alle 10 la Comunità ucraina festeggia la Pasqua secondo il rito greco-cattolico con una solenne funzione che per ragioni di spazio si svolgerà nella più capiente Chiesa della Madonna delle Grazie presso il Collegio Rosmini. Al termine del sacro rito Padre Juri benedirà i tipici dolci ucraini, la “Paska” e le “Pysanky”.

Carlo Panizza

Articolo di: sabato, 14 aprile 2012, 8:21 m.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top