Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 15 dicembre 2017
Articolo di: mercoledì, 13 giugno 2012, 12:24 p.

La lettera sfogo dei pendolari

"Arona-Santhià? Se bisogna tagliare, diminuiamo le corse e non cancelliamo la linea"

La rabbia dei pendolari per la soppressione della linea ferroviaria Arona-Santhià, che da lunedì prossimo sarà sostituita da autobus, viaggia anche attraverso Facebook. Il coordinatore del Comitato Pendolari Domodossola-Milano, Gianni Bertone, che si occupa anche delle altre tratte dell'Alto Novarese, ha affidato al noto social network una lettera-sfogo: "Io, Gianni Bertone, combatto da oltre un decennio battaglie quotidiane come coordinatore dei Pendolari della tratta Domodossola-Milano che come tutti ben sapete e' una tratta transregionale fra Lombardia e Piemonte e gestita da Trenord Lombardia - si legge nella lettera - Bene, noi siamo in tanti pendolari fra studenti e lavoratori e vi posso assicurare che la Regione Lombardia prima di prendere una qualsiasi decisione ci interpella ed assieme si cerca sempre di dare il classico colpo al cerchio ed alla botte. In Piemonte questo non e' mai capitato. Ci troviamo sempre a dover discutere a posteriori di decisioni gia prese. Nè noi pendolari nè le Istituzioni pubbliche vengono mai interpellate a priori e la giustificazione che l'assessore dà è che cosi facendo cercano di non scontentare nessuno.... Cosi' facendo scontentano TUTTI!" Nella lettera però c'è anche spazio per una proposta alternativa, tagliare qualche corsa anzichè eliminare il servizio: "Noi non dobbiamo mollare mai  continua la lettera -  e dobbiamo essere tutti uniti portando sul tavolo delle trattative una proposta che sia discutibile ed accettabile. Se adesso sulla Arona-Santhia' ci sono 16 corse giornaliere riduciamole a 8 (quattro al mattino e quattro al pomeriggio) ma rispettiamo la Dignita' di chi per studio o per lavoro e' costretto suo malgrado a doversi spostare utilizzando questa vitale ed insostituibile tratta ferroviaria aperta nel 1905. Rispettiamo il popolo sovrano".

Lucia Panagini

Articolo di: mercoledì, 13 giugno 2012, 12:24 p.
^ Top