Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: lunedì, 04 giugno 2012, 10:18 m.

La Protezione Civile Novarese alla guida del campo di Mirandola

Da domenica 3 giugno ad occuparsi della struttura ci sono 20 volontari di Novara

GATTICO – Sono partiti ieri mattina da Gattico, sede del coordinamento provinciale, e rimarranno a San Giacomo di Mirandola (Modena)fino a  domenica prossima. Sono 20 in totale i volontari della Protezione Civile di Novara che, insieme con i colleghi biellesi, si occuperanno per una settimana del campo realizzato dalla Regione Piemonte in uno dei paesi più colpiti dal sisma in Emilia. “In totale gestiamo 95 tende che ospitano 530 persone e teniamo aperte 2 cucine e 2 uffici” spiega il coordinatore della Protezione Civile Novara, Gianfranco Zanetta. Lui stesso ha tenuto a battesimo ieri il passaggio di consegne per poi ripartire verso Gattico, proprio poco prima della forte scossa che ha riportato il panico tra modenese e mantovano. “La paura c’è ancora – testimonia Zanetta – Il campo è molto grande e il problema principale per noi è riuscire a venire incontro alle diverse abitudini alimentari, visto che ospitiamo per l’80% cittadini stranieri”. A rendere ancora più difficile la vita nelle tende è il gran caldo: “Ieri alle 10 c’erano già 31°, per fortuna sono stati sistemati degli isolanti sulle tende che permettono di far scendere almeno di 4-5° la temperatura all’interno” continua Zanetta. Oggi, invece, qualche problema lo sta causando la pioggia, ma, anche in questo caso, il campo è stato modificato per evitare problemi “con coperture di asfalto e ghiaia”. Secondo il calendario stilato dalla Regione Piemonte, ogni settimana la gestione del campo tocca a due coordinamenti provinciali diversi. A Novara e Biella è toccato il primo turno questo settimana, e saranno poi di nuovo attive tra 3 settimane.

Lucia Panagini

Articolo di: lunedì, 04 giugno 2012, 10:18 m.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top