Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 21 novembre 2017
Articolo di: domenica, 18 settembre 2011, 11:59 p.

La quarta edizione di Nebbiolo Grapes sarà sul lago Maggiore

L'appuntamento a Stresa a ottobre

GHEMME - Sarà l’Alto Piemonte il protagonista della quarta edizione dell’evento internazionale dedicato al vitigno Nebbiolo. Incontri, forum e un banco d’assaggio imperdibile faranno per tre giorni di Stresa, nel Verbano Cusio Ossola, la capitale mondiale del nobile vitigno.

Tre giorni per parlare di Nebbiolo e degustare i vini fatti con il nobile vitigno e provenienti da quattro continenti. L’appuntamento con Nebbiolo Grapes 2011 è per il 28, 29 e 30 ottobre a Stresa, nella magnifica cornice del Lago Maggiore.

Dopo aver toccato Sondrio, per due volte, e Alba, per la prima volta il convegno internazionale dedicato al vitigno Nebbiolo approderà nell’Alto Piemonte grazie al coinvolgimento delle Camere di Commercio di Novara, Vercelli, Verbano-Cusio-Ossola, Biella e Torino, che si avvarranno della collaborazione di Unioncamere Piemonte e del Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte.

Un importante supporto arriva anche da Regione Piemonte e dalla Fondazione Banca Popolare di Novara, a completare uno schieramento di forze che promette un’edizione in grande stile.

Un appuntamento imperdibile per tutti gli amanti del nobile vitigno. Il programma propone per iniziare  i forum di Nebbiolo Grapes: una sessione di approfondimento tecnico scientifico nella quale si dibatterà sull’origine genetica del vitigno e la sua variabilità intra-varietale, sul confronto tra diversi terroir del Nebbiolo in ambito nazionale e internazionale e sulle peculiarità agronomiche, e una sessione dedicata al mercato nella quale affrontare i principali  temi aperti legati al marketing e alla comunicazione.

 

Non mancherà l’atteso banco d’assaggio che sabato e domenica proporrà in degustazione la carta del Nebbiolo, con etichette e produttori da Italia, Stati Uniti, Australia, Messico, Sudafrica… Un evento nell’evento che attirerà gli amanti nel Nebbiolo sul Lago Maggiore, un’occasione eccezionale per degustare la Carta del Nebbiolo, conoscere e apprezzare le diverse sfumature di vini prodotti con lo stesso vitigno ma in parti del mondo così diverse. Il banco d’assaggio aperto al pubblico è in programma nelle giornate di sabato 29 (dalle 12.30 alle 19.30) e domenica 30 ottobre (dalle 10 alle 19.30) nella magica atmosfera dell’Hotel Des Iles Borromées e del Regina Palace Hotel di Stresa.

 

Nebbiolo Grapes è un evento unico nel suo genere che, con cadenza biennale, permette l’incontro di “Nebbiolisti” da tutto il mondo, legati dalla passione per un vitigno la cui diffusione risulta quanto mai limitata. Il Nebbiolo si concentra infatti principalmente in Italia e, nello specifico, in quattro regioni: Piemonte, Lombardia, Valle d’Aosta e Sardegna. Dei 5.325 ettari coltivati a Nebbiolo, 4.698 ettari sono in Italia: di questi in Piemonte e in particolare nel Novarese si trova circa il 70% della superficie mondiale coltivata a Nebbiolo, segue la Valtellina con il 17%, mentre valle d’Aosta e Sardegna si attestano complessivamente su una percentuale di poco superiore all’1%. Il restante 12% è coltivato in 10 Paesi, dei quali quelli europei hanno un ruolo marginale. Rivestono un certo interesse le superfici coltivate in Argentina, negli Stati Uniti, dove il Nebbiolo è presente in ben otto Stati, in Messico e in Australia dove è coltivato in cinque Stati. Si tratta quindi di un vitigno che, in un mondo che corre verso la globalizzazione, rimane autoctono e fortemente legato alla patria d’origine.

Monica Curino

 

Articolo di: domenica, 18 settembre 2011, 11:59 p.
youkata

Dal Territorio

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero
BORGOMANERO - Secondo i dati ufficiali contenuti nel rapporto redatto dal Ministero della Salute, in Italia nel 2014 i celiaci erano 172.197, con un incremento di quasi ottomila unità rispetto al 2013 e addirittura di 23.500 rispetto al 2012. La celiachia è definita dalla scienza medica come una infiammazione cronica dell'intestino tenue, scatenata dall'ingestione di glutine(...)

continua »

Altre notizie

^ Top