Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 21 novembre 2017
Articolo di: sabato, 09 aprile 2011, 8:36 p.

Lagostina e Provincia Vco vicini per il futuro della azienda

Visita del presidente Nobili alla rinomata fabbrica omegnese

OMEGNA – Il presidente della Provincia del Verbano Cusio Ossola, Massimo Nobili, ha fatto visita l'8 aprile alla Lagostina, volendo così manifestare il suo interesse e attenzione per una realtà industriale fondamentale per il territorio e i cittadini di Omegna. Con il presidente Nobili anche il vicepresidente e assessore alle Attività Produttive, Paolo Marchioni, e l’assessore al Lavoro e Formazione, Francomaria Franzi, che hanno partecipato all’incontro per conoscere da vicino i processi produttivi della celebre fabbrica cusiana.

Lagostina è da tempo impegnata intensamente nel portare avanti il piano concordato nel 2009 con le parti sociali e le Istituzioni che mira a raggiungere il pareggio operativo nel 2012. Un piano chiaro che punta sul Made in Italy e sul know how che ha fatto di Omegna il centro di un distretto industriale

all’avanguardia nel settore del casalingo. “La visita del Presidente Nobili rafforza la vicinanza delle istituzioni che continuano a sostenerci in

questa difficile fase economica” ha commentato il direttore generale Edouard de Vulpian. “Il 2011 è un anno importante per Lagostina. È il 110° anniversario dalla sua fondazione e corrisponde anche ai 50 anni della pentola a pressione, il prodotto simbolo del nostro marchio conosciuto dal 97% della

popolazione italiana. Continuiamo sulla via tracciata dal piano industriale con un costante aumento della produttività, una razionalizzazione ad impatto sociale zero ed investimenti annuali di oltre un milione di euro sullo stabilimento di Omegna. Non è sicuramente facile e tanto ancora deve essere

fatto, ma stiamo tenendo bene e avanziamo grazie all’impegno di tutti: Gruppo SEB, lavoratori e il sistema territoriale nel suo complesso. Sosteniamo la nostra offerta anche con testimonial d’eccezione come Sophia Loren per confermare la leadership in Italia e conquistare nuove fette di mercato in paesi vicini come Francia, Belgio, Germania, Olanda, Turchia o lontani come, Hong Kong, Taiwan, Giappone, Brasile e la stessa Cina dove il “Made in Omegna” è un valore aggiunto e riconosciuto dai consumatori” ha concluso De Vulpian.

“Senza dubbio Lagostina, con il suo marchio noto e apprezzato in tutto il mondo, è tra le eccellenze della storia manifatturiera di questa Provincia e del suo “distretto del casalingo”, impoverito dall’attuale crisi che lo ha portato a perdere realtà produttive importanti e ‘bandiera’ di questo

comparto industriale. Lagostina continua ad essere radicata sul territorio e il Piano Industriale in via di realizzazione – è stato spiegato – è mirato ad ancorare anche nel futuro questa produzione alla nostra Provincia. Una volontà che di questi tempi riteniamo un grande merito e che ci fa dire di

voler essere vicini a Lagostina. Ringraziamo dunque il Gruppo SEB per aver confermato di voler investire soprattutto in innovazione e nella rete commerciale. Apprezziamo altresì l’approccio di Lagostina volto a invertire il flusso commerciale con la Cina. Nel 2011, ci è stato comunicato, il “Made

in Omegna” sbarcherà nel colosso economico asiatico con 25 punti vendita per arrivare a 125 entro il 2013. La Cina dunque come opportunità e non come temibile competitor. L’Amministrazione Provinciale nel Piano Strategico per il rilancio produttivo del Vco , elaborato insieme ai rappresentanti

di istituzioni, categorie economiche e parti sociali, e approvato dalla Giunta Regionale e ora al vaglio del Ministero per lo Sviluppo Economico, ha indicato come intenda sostenere le aziende decise ad investire sul territorio” ha commentato il presidente Nobili.

 

Redazione online 

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

 

Articolo di: sabato, 09 aprile 2011, 8:36 p.
youkata

Dal Territorio

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero
BORGOMANERO - Secondo i dati ufficiali contenuti nel rapporto redatto dal Ministero della Salute, in Italia nel 2014 i celiaci erano 172.197, con un incremento di quasi ottomila unità rispetto al 2013 e addirittura di 23.500 rispetto al 2012. La celiachia è definita dalla scienza medica come una infiammazione cronica dell'intestino tenue, scatenata dall'ingestione di glutine(...)

continua »

Altre notizie

^ Top