Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 18 febbraio 2018
Articolo di: giovedì, 19 luglio 2012, 9:18 m.

L'Associazione Nazionale Carabinieri di Borgomanero trova casa

Trasferimento a Rivano e nuovi progetti di volontariato per la sorveglianza della città

BORGOMANERO - Dopo aver inutilmente cercato alcuni locali da adibire a sede sociale, la sezione borgomanerese dell'Associazione Nazionale Carabinieri ha finalmente trovato casa grazie alla disponibilità e alla sensibilità dimostrata dalla Comunità di Rivano. Lo ha annunciato il neopresidente della sezione, l'appuntato scelto Francesco Galeazzo (che da qualche mese ha preso il posto del maresciallo Biagio Ferrentino, che continuerà a far parte del Consiglio direttivo in veste di vicepresidente). Gli altri consiglieri sono Nicolò D'Aguanno, Antonio Baire, Fabio Fava, Aldo Iacona, Marcello Iddas, Daniele Brigonzi e Michele Montesano. Sino a qualche settimana fa gli ex Carabinieri erano costretti a condividere la loro sede a Villa Zanetta con altre associazioni. Per festeggiare il trasloco Galeazzo ha riunito proprio a Rivano soci, simpatizzanti e famigliari per una serata in compagnia, ma anche per presentare il programma del prossimo quinquennio. «Sono in corso - ha detto Galeazzo - interessanti incontri con il sindaco e gli amministratori locali finalizzati ad una nostra futura collocazione nell'ambito dei servizi di volontariato per supportare ad esempio le forze dell'ordine impegnate nella sorveglianza del territorio con particolare attenzione ai parchi pubblici, ai cimiteri e agli edifici scolastici». Ma l'associazione Carabinieri ha in serbo altre sorprese, la prima è una raccolta fondi per la Parrocchia di S. Bartolomeo. Il 4 settembre è in programma una cena benefica che culminerà con il concerto di Alessandro Canino, cantante toscano balzato alla notorietà nel 1992 quando debuttò nella categoria “Nuove Proposte” al Festival di Sanremo con la canzone “Brutta”.

Carlo Panizza

Articolo di: giovedì, 19 luglio 2012, 9:18 m.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top