Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 23 gennaio 2018
Articolo di: domenica, 11 dicembre 2011, 12:20 m.

Medaglia d’oro al fondatore di “Pelé Frutta”

Fiva, ricordato anche l’ex presidente Pieragostini

BORGOMANERO - Di anni ne ha 68 di cui più di 50 di lavoro. Lui è Giampiero De Carli, meglio conosciuto in città come “Pelé” per una vaga somiglianza giovanile con il re del calcio brasiliano. Classe 1943, iniziò giovanissimo a collaborare con il papà Pino e la mamma Fausta, ambulanti nel settore orto-frutta. Quando i genitori si ritirarono per raggiunti limiti di età, Pelè proseguì nell’attività dando vita alla “Pelè Frutta sas”, con sede in via della Ciocca 67 e punto vendita sulla circonvallazione di Santo Stefano in via Papa Giovanni XXIII.

Aiutato dalla moglie Wanda, da sempre sua insostituibile collaboratrice, dalle figlie Bruna e Claudia e dal genero Roberto, è settimanalmente presente nei mercati di Varallo Sesia, Orta San Giulio, Omegna, Gozzano e al venerdì mattina a Borgomanero dove in occasione della Festa dell’Uva da oltre quarant’anni allestisce in piazza Martiri un chiosco per la vendita dell’uva. Una vita, la sua, dedicata al lavoro e alla famiglia (oltre alla passione per la squadra di calcio del Torino) funestata anni fa da un grave incidente stradale che non gli ha però fatto mai perdere la grande voglia di fare e la straordinaria carica umana.

Mercoledì pomeriggio Pelè ha ricevuto nella sede dell’Ascom in via Gramsci una medaglia d’oro e una pergamena da parte della Fiva, la Federazione italiana venditori ambulanti facente parte della Confcommercio. Una sorta di “premio alla carriera”. Alla cerimonia, oltre al presidente della locale sezione Ascom Pierpaolo Marchetti, sono intervenuti il presidente provinciale della Fiva Giorgio Ingold con la vice presidente Maura Mazzone e in rappresentanza dell’Associazione commercianti del centro storico il presidente Mauro Iaria e il consigliere Antonella Negri.

Nel corso della cerimonia è stato anche ricordato l’aronese Mario Pieragostini scomparso nel 2008 all’età di 84 anni che fu il primo presidente della Fiva. Era presente la figlia signora Marilena alla quale è stato consegnato un diploma alla memoria del papà. Nella foto in alto a sinistra, di Panizza, sulla sinistra il presidente dell’Ascom Pierpaolo Marchetti, Giampiero De Carli detto “Pelè”, la moglie Wanda e il presidente provinciale della Fiva Giorgio Ingold. Nella foto a destra la consegna del diploma a Marilena Pieragostini (al centro) da parte di Ingold e della vice presidente Fiva Maura Mazzone.

Carlo Panizza 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato 

Gallery articolo
*clicca sulle immagini per ingrandire

premio.jpg

Articolo di: domenica, 11 dicembre 2011, 12:20 m.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top