Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 20 gennaio 2018
Articolo di: martedì, 31 luglio 2012, 1:42 p.

Messa al cimitero per il sacrestano che non voleva il funerale in Chiesa

Le esequie del Carlin al camposanto di Momo su indicazione del Vescovo

MOMO - Alla fine il funerale per il "Carlin" di Momo c'è stato ma, come da sua richiesta, senza passare dalla chiesa parrocchiale. Le esequie di Carlo Morelli, meglio noto come Carlin, per mezzo secolo sacrestano della parrocchia di Momo sono state infatti officiate al cimitero. Sarebbe stato lo stesso Vescovo di Novara a proporre questa soluzione affinchè avesse una cerimonia degna dell'uomo di Chiesa qual è stato. Per 50 anni sacrestano e campanaro della parrocchia di Momo, prima di morire l'uomo, ex agricoltore di 87 anni, aveva chiesto ai familiari di non essere portato in chiesa per le esequie. Una decisione che può essere collegata alla brusca interruzione (con coda polemica finita anche sui giornali locali, nel 2008) dei suoi rapporti con il parroco don Angelo Fortina, ormai in procinto di lasciare Momo e in questi giorni in pellegrinaggio a Lourdes. Come richiesto dal "Carlin", stamattina il corteo funebre ha sostato in piazza Martiri con la banda del paese e si è poi avviato al camposanto. Lì, a sorpresa per alcuni partecipanti, è cominciata la Messa. A celebrarla don Albert Tofou, sacerdote di origine senegalese che aveva collaborato con la parrocchia di Momo negli ultimi anni. Con lui l'ex sacrestano aveva un ottimo rapporto, tanto che gli avrebbe chiesto in un'occasione proprio di officiare il suo funerale. E così in effetti è stato. Un finale "a sorpresa", come forse sarebbe piaciuto proprio al "Carlin".

Redazione online

 

Articolo di: martedì, 31 luglio 2012, 1:42 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top