Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 17 febbraio 2018
Articolo di: sabato, 07 luglio 2012, 2:48 p.

Mortale di Omegna: grande cordoglio nel Cusio

Capodacqua era operaio per il Comune di Orta, Beltrami edicolante a Legro

OMEGNA - Grande cordoglio in tutto il Cusio per la morte di Gianvito Capodacqua, 52 anni, e di Daniele Beltrami, 54, entrambi residenti nella frazione Cireggio di Omegna e deceduti nel tragico incidente avvenuto questa mattina, sabato 7 luglio, nella frazione Borca di Omegna, nel Verbano Cusio Ossola.

Il sinistro qualche minuto dopo le 6 in una curva della provinciale 229 del lago d'Orta. Qui, come riportato stamani, due autovetture, una Hyunday Atos e una jeep della Nissan, per cause al vaglio degli inquirenti, la Polizia stradale di Verbania, si sono scontrate.

Tragico l'epilogo, con due decessi, entrambi avvenuti a bordo dell'auto più piccola, e un'altra persona rimasta ferita, sembrerebbe non in maniera grave.

A perdere la vita, dunque, Capodacqua, dipendente del Comune di Orta, dove era operaio, e Beltrami, edicolante a Legro di Orta. A seguito dell'urto tra i due mezzi, c'è stato un testacoda e il rovesciamento della vettura con a bordo Capodacqua e Beltrami. I due uomini sono morti sul colpo.

Gianvito Capodacqua era uno dei quattro operai comunali di Orta e stamani sarebbe stato al lavoro sulle strade del borgo in vista della doppia manifestazione di oggi: il Medioevo sul Lago e il concerto dell'Orta Festival. "Abbiamo deciso di ricordarlo con un minuto di silenzio all'inizio della rievocazione storica e del concerto - dice il sindaco di Orta San Giulio, Cesare Natale - Era un bravissimo operaio, si trovava bene con tutti i colleghi e godeva della nostra massima fiducia. La sua scomparsa è stata davvero un colpo per tutti noi".

Per lui era una consuetudine viaggiare con l'edicolante di Legro. Abitavano poco distante l'uno dall'altro ad Omegna e così scendevano spesso ad Orta insieme. Fino a stamattina.

Monica Curino
Lucia Panagini

Articolo di: sabato, 07 luglio 2012, 2:48 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top