Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 15 dicembre 2017
Articolo di: lunedì, 16 marzo 2015, 2:52 p.

Nuova “cornice” per la parrocchiale di Armeno

Al via la riqualificazione del sagrato grazie all’adesione ad un bando regionale - europeo

ARMENO - Al via l’intervento di riqualificazione del sagrato della chiesa parrocchiale di stile romanico dedicata a Santa Maria Assunta, grazie all’adesione ad un bando regionale - europeo pari a 140mila euro che consente di finanziare il 65% dei costi. La parte restante sarà coperta da Parrocchia (co-finanziatore del progetto) e Comune (per un importo complessivo di circa 75mila euro, ma probabilmente soggetto a ribasso d’asta). Costruito nel 1966 dal Comitato Pro Armeno con l’assenso dei religiosi, l’area era destinata a parcheggio. Il progetto comprende, oltre alla riqualificazione, la predisposizione di un’area verde «silenziosa – ha commentato il sindaco Pietro Fortis – e adatta alla fruibilità. Previsto anche un adeguato accesso al cimitero limitrofo». Progettato da Tommaso Marchi, Andrea Martinelli, Alessandro Marchi, Mauro Rutto, il lavoro sarà realizzato dall’impresa Valloggia di Borgomanero. Grazie ad un probabile ulteriore contributo sarà modificata e migliorata l’illuminazione. L’edificio sacro si trova sul crocevia verso Domodossola e la valle dell’Agogna, sulla strada delle Due Riviere. Lungo via Cadorna sarà realizzato un marciapiede ed un viale con annesso parcheggio di servizio al paese. La decisione (che era stata assunta tempo fa) è stata portata avanti – riferisce il primo cittadino - dopo aver consultato il nuovo parroco, don Luigi Tonachini, e con il coinvolgimento della minoranza consiliare e della comunità. Già tagliati i cipressi si attende, a giorni, il via ai lavori. Il significativo esempio di chiesa romanica (insignito nel 1908 del titolo di "Monumento Privilegiato di arte e di storia") è databile intorno al 1100 ed edificato su resti appartenenti ad un tempietto romano; conserva un campanile anteriore alla costruzione della chiesa. All’esterno, capitelli con teste ed animali (che richiamano i gargoyle posti sul Duomo di Milano o su quello di Notre Dame a Parigi). Notevole gli affreschi interni, molti di epoca medievale. Di interesse particolare, la rara Trinità Tricefala (salva grazie alla copertura con calce apposta in epoca di pestilenze, poi ricomparsa dopo restauri). Importanti i dipinti "Deposizione della Croce" di Fermo Stella da Caravaggio (1548) e quelli di Giovanni Di Campo di Novara (1400). 

Maria Antonietta Trupia

Articolo di: lunedì, 16 marzo 2015, 2:52 p.
^ Top