Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: sabato, 30 aprile 2011, 12:13 p.

Nuove sale operatorie all’ospedale di Borgomanero

Inaugurato anche il sistema di refertazione delle immagini radiologiche tramite Ris-Pacs

BORGOMANERO -  Sono stati inaugurati venerdì 29 aprile il primo lotto delle nuove sale operatorie del Presidio Ospedaliero di Borgomanero ed il sistema di refertazione delle immagini radiologiche tramite tecnologia RIS-PACS a servizio della Radiodiagnostica dell’Asl No. Il Progetto di costruzione delle nuove sale operatorie risponde all’esigenza di ridurre i rischi legati all’ambiente chirurgico per i pazienti e gli operatori, integrando i vantaggi apportati dalle innovazioni tecnologiche con i sistemi di sicurezza e con lo scopo di assicurare il miglioramento della qualità della prestazione assistenziale resa ai pazienti della Asl No dagli specialisti delle discipline che operano nelle sale di Borgomanero (Chirurgia Generale, Ortopedia e Traumatologia, Urologia, Oculistica, Otorinolaringoiatria, Ostetricia e Ginecologia, Nefrologia, Terapia antalgica).

L’investimento complessivo per la realizzazione delle opere strutturali e per l’acquisizione di tecnologie, attrezzature, arredi supera gli 11 milioni di euro, coperti per la maggior parte da finanziamenti ministeriali e regionali e completati da fondi propri dell’Azienda.

Per non interrompere l’attività operatoria, la costruzione del nuovo blocco è stata suddivisa in due lotti: il primo, appena inaugurato, comprende tre sale operatorie, tra cui “la sala integrata” ad alto contenuto tecnologico e la zona di substerilizzazione; il secondo lotto riguarderà altre tre sale operatorie e la realizzazione dell’area di subintensiva.

“Secondo le previsioni - afferma Arabella Fontana, Direttore Sanitario dell'Asl No – le nuove sale operatorie (che vanno ad aggiungersi alle altre due della Ostetricia Ginecologia dislocate presso il Dipartimento Materno Infantile) entreranno in funzione, completate le pulizie e il trasferimento degli arredi, tra una settimana circa, momento in cui inizieranno i lavori di ristrutturazione dell’area attualmente occupata dalle cinque sale del vecchio complesso operatorio, dove vedranno la luce tre ulteriori sale operatorie che diverranno operative a metà 2012. Il nuovo assetto – continua Fontana – è fondamentale per la riqualificazione complessiva dell’ospedale di Borgomanero, deputato al trattamento degli acuti, dell’emergenza e dell’urgenza”.

Il progetto di “Refertazione delle immagini radiologiche tramite tecnologia RIS – PACS” consiste nella realizzazione di un sistema di gestione informatizzata delle immagini dei pazienti delle strutture dei Servizi di Radiodiagnostica dell’Asl No. La soluzione installata è in grado di gestire la trasmissione delle immagini diagnostiche di ciascuna sede (Presidio Ospedaliero di Borgomanero, Presidio Ospedaliero di Arona, Poliambulatorio di Novara, Distretto di Oleggio) e l’archiviazione in linea su un sistema di storage centralizzato; la disponibilità di una connessione a banda larga tra i presidi di Borgomanero e Arona, Novara e Oleggio consente di centralizzare sulla sede di Borgomanero i sistemi di elaborazione e memorizzazione.

Attraverso il nuovo sistema i tecnici che eseguono gli esami inviano le immagini dalle diagnostiche ai sistemi di archiviazione, i medici richiamano le immagini per le attività di consultazione e refertazione (attraverso doppi monitor ad alta definizione) ed il paziente riceve, unitamente al referto, un CD con le immagini dell’esame eseguito.

Il tutto consente di ottenere una serie di benefici sia economici sia clinici.

 

Redazione online

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: sabato, 30 aprile 2011, 12:13 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top