Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: lunedì, 23 luglio 2012, 3:38 p.

Nuovi parroci a Pella e Momo

Le nomine ufficializzate da una lettera del vescovo di Novara

Sono otto le nuove nomine che, con la lettura di una lettera del vescovo di Novara, Franco Giulio Brambilla, durante le messe principali, sono state comunicate domenica 22 luglio ad altrettante comunità parrocchiali della diocesi novarese. A darne lettura sono stati i vicari episcopali del territorio e, nel caso di Momo, il vescovo stesso che si è recato in visita alla comunità. Nel borgomanerese novità a Pella, Momo e Cavallirio. Don Giuseppe Ottina, attualmente Vicario parrocchiale di Carpignano-Sizzano-Briona, è stato nominato nuovo Parroco di Pella e Alzo. Succede a don Salvatore Maniscalco. «Le Parrocchie di Pella e Alzo sono da lungo tempo vacanti, per il trasferimento ad altro servizio pastorale, da lui stesso richiesto, di don Salvatore Maniscalco. Esprimo a don Salvatore il mio più vivo ringraziamento per il servizio pastorale pieno di zelo, svolto in mezzo a voi – scrive nella lettera alle comunità monsignor Brambilla – Per l’ingresso ufficiale il nuovo parroco prenderà accordi con il Vicario Episcopale, Padre Fiorenzo Fornara, che lo introdurrà nel ministero, avendo sentito anche la disponibilità delle Comunità e dei loro Consigli Pastorali». Don Paolo Bosio («un parroco giovane, ma che ha dato buona prova di sé secondo la testimonianza di molti», scrive il vescovo), attualmente Vicario parrocchiale di Romagnano Sesia e Amministratore parrocchiale di Cavallirio, è stato nominato nuovo parroco di Momo. Succede a don Angelo Fortina. «La Parrocchia di Momo ha avuto per lungo tempo don Angelo Fortina come Parroco – scrive mons. Brambilla -. Molti hanno potuto conoscere don Angelo quando, appena arrivato e forte di un’esperienza impegnativa e per cui è ben ricordato in Valmastellone, ha dato il meglio di sé nella vostra parrocchia per oltre vent’anni. Negli ultimi anni è stato toccato da una malattia invalidante che gli ha ridotto la possibilità di portare il gravoso peso pastorale di una parrocchia, pur rimanendo in lui sempre vivo il desiderio di essere utile alla vostra crescita spirituale. Benché in seguito abbia dato segni di ripresa, il vostro Parroco ha compreso la difficoltà che io gli ho manifestato, dopo essermi consultato secondo scienza e coscienza, di proseguire il servizio pastorale della parrocchia di Momo. Perciò ha accettato, anche se con il rincrescimento di lasciare le persone che ha amato, la mia richiesta di rinunciare al ministero di Parroco. Esprimo a don Angelo il mio più vivo ringraziamento per un servizio pastorale pieno di zelo, durato ben 33 anni. Così come esprimo il mio più intenso ringraziamento a don Albert Tafou per aver dato un valido e apprezzatissimo supporto con grande umiltà e dedizione in questi ultimi anni». Per l’ingresso ufficiale il nuovo parroco si accorderà con il Vicario Episcopale Padre Fiorenzo Fornara, che lo introdurrà nel ministero, avendo sentito anche la disponibilità della Comunità e del Consiglio Pastorale. Don Fulvio Trombetta, attualmente secondo Vicario parrocchiale a Intra, è stato nominato nuovo amministratore parrocchiale di Cavallirio. Succede a don Paolo Bosio, che è stato nominato parroco a Momo. «Esprimo a don Paolo il mio più vivo ringraziamento per il servizio pastorale pieno intelligenza, finezza e zelo, svolto in mezzo a voi – scrive il vescovo -. Il suo ministero prenderà avvio il 1 settembre 2012, anche se per l’inizio il nuovo Amministratore prenderà accordi con il Vicario Episcopale don Ezio Caretti, che lo introdurrà nel ministero, avendo sentito anche la disponibilità della Comunità e del Consiglio Pastorale».

Redazione online

Articolo di: lunedì, 23 luglio 2012, 3:38 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top