Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 15 dicembre 2017
Articolo di: giovedì, 29 dicembre 2011, 3:47 p.

Nuovo tratto ferroviario a Gozzano

Entro febbraio sarà pronto il terzo ed ultimo sottopasso

GOZZANO - Dovrebbero concludersi entro i primi mesi del 2012, gli interventi di viabilità alternativa connessi al nuovo tratto ferroviario aperto ad inizio dicembre tra l’area Zucchetti e il territorio di Bolzano Novarese. In particolare, si attende il termine del terzo ed ultimo sottopasso, quello di via per Arona (zona ex Orago) e della rotonda di accesso. In fase di avanzatissima realizzazione, l’opera dovrebbe essere pronta a febbraio. Lo scorso 20 dicembre, intanto, cerimonia ufficiale con le autorità alla nuova stazione con sopralluogo al nuovo sottopasso, l’unico in paese a consentire il passaggio dei veicoli di maggior altezza.

Relativamente alla nuova linea, il sindaco Biscuola ha commentato: «I lavori sono partiti appena ci siamo insediati (estate 2009) e, all’attuale Amministrazione, è toccato il difficile compito della gestione del cantiere. Verificato che il progetto, depositato dagli amministratori precedenti (Giunta Signorelli, ndr), non prevedeva importanti opere complementari, le abbiamo via via approntate, chiedendo, invano, di ripristinare la viabilità per Briga con sovrappasso o sottopasso. Ma è stato impossibile stravolgere il progetto ormai approvato. Abbiamo, inoltre, dovuto far fronte a tutte le problematiche private, ereditate ed irrisolte. Con gli espropri alcuni cittadini hanno dovuto abbandonare (pur a fronte di un indennizzo) la casa di famiglia. Il nostro Comune, dopo avere destinato all’opera, 2,5 milioni di euro (il maggior onere è stato di Rfi, ma sono intervenuti finanziariamente anche Regione e Provincia, ndr), si  trova a dover affrontare l’acquisto del sedime ferroviario perché, negli accordi, non era prevista la cessione bonaria del tracciato che, oltre alla viabilità da ricostruire, impegnerà il Comune di Gozzano e la Provincia di Novara in un grande sforzo finanziario che consentirà di nuovo i collegamenti con Briga e con la via per Arona».Ha aggiunto l’assessore ai Lavori pubblici, Zenoni: «La rettifica ferroviaria, dopo quarant’anni, è realtà. Si tratta di un’opera di importanza notevole per la comunità che, pur stravolgendo il territorio, potrebbe aprire nuove prospettive di sviluppo per il paese». Alla cerimonia di martedì scorso sono intervenuti, oltre al primo cittadino, il viceprefetto Baldino, l’assessore provinciale Godio, il vicesindaco Zucchetti, gli assessori Ricci e Zenoni, consiglieri di maggioranza e minoranza (tra cui l’ex sindaco Signorelli). Presenti anche il tenente dei Carabinieri Siddi, insieme al maresciallo Penariol. Per Rfi gli ingegneri Pometto e Mercatali ed il geometra Billia. Inoltre Luca Croveri (Taurasia).

Maria Antonietta Trupia

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

 

Articolo di: giovedì, 29 dicembre 2011, 3:47 p.
^ Top