Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: domenica, 20 marzo 2011, 12:00 m.

Oltre duemila studenti per festeggiare l Italia

Il violento nubifragio di mercoledì non ha frenato l’entusiasmo dei borgomaneresi

BORGOMANERO - Il violento nubifragio che mercoledì mattina si è abbattuto in città non ha certo frenato l’entusiasmo degli oltre duemila studenti delle scuole elementari e medie inferiori cittadine, e delle scuole elementari di Maggiora e Cureggio, che hanno invaso piazza Martiri per partecipare alla solenne, grande manifestazione organizzata per degnamente celebrare il 150° dell’Unità d’Italia. Alla presenza delle massime autorità civili e militari - tra cui il prefetto di Novara Giuseppe Amelio, i sindaci di Borgomanero Anna Tinivella, di Cureggio Annalisa Beccaria e di Maggiora Giuseppe Fasola, oltre a una nutrita rappresentanza delle associazioni combattentistiche e d’Arma e di volontariato - si è svolta la cerimonia dell’alzabandiera seguita dall’Inno di Mameli e dal “Va’ pensiero” cantati dal Coro dell’Università per la terza età diretto dal maestro Damiano Cerutti con l’accompagnamento alla tastiera del maestro Mattia Zanetti.  Gli studenti, sventolando il tricolore, hanno invece intonato “La bandiera dei tre colori” e “Addio mia bella addio”. Ha preso quindi la parola il sindaco Tinivella che ha tra l’altro ricordato il  sacrificio di tanti giovani borgomaneresi che diedero la loro vita per l’unità d’Italia. Tra questi il tenente garibaldino Costantino Pagani, eroicamente caduto nella battaglia di Catalafimi il 15 maggio 1860. Aveva 23 anni. Sotto i portici di piazza Martiri una lapide lo ricorda assieme agli altri concittadini morti per lo stesso ideale: il sergente Antonio Roberti, il caporale Giuseppe Zerlia e i soldati Giovanni Preti, Carlo Zotti, Antonio Forzani, Luigi Godio, Giovanni Simonotti, Pietro Travaini, Cesare Mora, Nicolao Roberti, Giambattista Polli e Antonio Marcodini. La manifestazione è proseguita con la Messa celebrata nella Collegiata di San Bartolomeo da don Riccardo Zaninetti, al termine della quale il Coro dell’Università per la terza età ha intonato l’Ave Maria di Schubert e, in tedesco, l’Inno alla gioia dalla nona sinfonia di Beethoven. Sono stati numerosi i borgomaneresi che hanno esposto alle finestre e ai balconi delle loro abitazioni la bandiera italiana, mentre diverse vetrine dei negozi sono state addobbate con il tricolore. Alla sera, in Collegiata, si è tenuto il concerto del Coro Stella Alpina di Berzonno diretto dal maestro Carlo Poletti e della Fanfara Alpina della sezione Ana Cusio-Omegna diretta da Massimo Martina. Giovedì pomeriggio ancora tutti in piazza Martiri per l’aperitivo, naturalmente “tricolore”  offerto alla cittadinanza dalla locale sezione Auser che da qualche settimana gestisce il “Centro incontro per la terza età” di Villa Zanetta.

Carlo Panizza

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: sabato, 19 marzo 2011, 10:22 m.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top