Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 22 gennaio 2018
Articolo di: giovedì, 14 giugno 2012, 5:13 p.

Orta torna ad ospitare l’arte “novarese”

Presentata la dodicesima edizione del Premio Nazionale d’Arte Città di Novara

ORTA SAN GIULIO – Ancora una volta il Comune di Orta San Giulio offre patrocini e spazi per il Premio Nazionale d’Arte Città di Novara, in programma a novembre e dicembre prossimo. La dodicesima edizione è stata presentata stamattina nella sede della Provincia di Novara. “Ne sono certo, sarà un successo” ha esordito Vincenzo Scardino direttore artistico della kermesse, che vuole sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo all’arte contemporanea. “Quest’anno – ha spiegato l’Assessore alla Cultura della Provincia di Novara, Alessandro Canelli – la formula torna alla tradizione con le due sezioni di pittura e scultura”. “Ringrazio Vincenzo Scardigno per la tenacia con la quale ha portato avanti il premio” è il commento di Mariarosa Fagnoni, presidente dell’ATL di Novara che sottolinea anche come quest’iniziativa abbia una significativa ricaduta in termini turistici, calamitando opere e artisti provenienti da tutta Italia che transitano a Novara e Orta. Le opere in concorso saranno infatti esposte a Novara, a Palazzo Renzo Piano, quelle vincitrici della scorsa edizione saranno invece in mostra al Palazzotto di Orta San Giulio. Al momento già oltre un centinaio di artisti hanno aderito al premio, da cui saranno selezionati prima 60 finalisti e poi i sei vincitori. La novità 2012 sono i laboratori  didattici gestiti da Caterina Zadra e da Emanuela Fortuna. “L’Arte per essere capita – commentano – deve essere spiegata. Adulti e bambini, allievi delle scuole novaresi potranno prendere parte a percorsi di visita e a laboratori che possano aiutare a comprendere l’arte e le sue espressioni”.

 Lucia Panagini

 

Articolo di: giovedì, 14 giugno 2012, 5:13 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top