Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 14 dicembre 2017
Articolo di: lunedì, 15 ottobre 2012, 9:07 m.

Ospedale psichiatrico giudiziale ad Orta?

I Frati Minori del Piemonte smentiscono la voce circolata nel Cusio di recente

ORTA SAN GIULIO - Smentita “categorica” da parte dei Frati Minori del Piemonte sulle voci che erano circolate nei giorni scorsi circa l’ipotesi che presso l’Hotel Villa San Francesco, a Legro, potesse essere istituito un Ospedale psichiatrico giudiziale. Attraverso un comunicato i Frati Minori affermano: “Venuti a conoscenza dei comprensibili timori della popolazione di Legro e di Orta San Giulio per l’ipotetica riconversione della struttura alberghiera di Villa San Francesco in Ospedale Psichiatrico Giudiziale con il presente comunicato, in qualità di proprietari della detta Struttura, vogliamo smentire categoricamente queste “voci” e desideriamo cordialmente rassicurare la popolazione che in qualche modo si è potuta sentire “disorientata”. Nelle stesso tempo esprimiamo tutto il nostro stupore e la nostra amarezza nei confronti di coloro che, in malafede, hanno diffuso queste voci non degnandosi di interpellare direttamente la Proprietà. Esprimiamo grande rammarico per l’accaduto, perché Villa San Francesco ha sempre svolto e continuerà a svolgere un servizio alla popolazione del Cusio e di Legro nello spirito dell’accoglienza francescana”. Ci ha confermato anche telefonicamente il padre provinciale, frate Gabriele Trivellin, che attualmente Villa San Francesco è chiusa per effettuare lavori di adeguamento e di ristrutturazione, con l’obiettivo di riprendere al più presto la sua attività ricettiva il cui ricavato è destinato a sostenere l’infermeria e opere di bene. Il sindaco Cesare Natale, da noi interpellato telefonicamente, ha dichiarato «di non saperne nulla, in quanto nessuna notizia in tal senso è giunta in Comune». Fabrizio Morea, che aveva espresso pubblicamente (nel corso di un’assemblea indetta la scorsa settimana dall’Amministrazione comunale per parlare del piano regolatore) «la preoccupazione dei cittadini di Orta e dei paesi limitrofi» nell’eventualità che questo progetto potesse realizzarsi, ha espresso «soddisfazione per la smentita giunta».

Maria Antonietta Trupia

Articolo di: lunedì, 15 ottobre 2012, 9:07 m.
^ Top