Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 23 gennaio 2018
Articolo di: sabato, 03 settembre 2011, 9:00 m.

Palio degli asini di Borgomanero, S. Rocco parte favorito

L’incognita maltempo minaccia l’edizione 2011

BORGOMANERO - C’è il pericolo che possa essere annullato il Palio degli Asini che dovrebbe disputarsi domani, domenica 4 settembre, alle 17 in piazza San Gottardo. Sulla manifestazione incombe infatti il rischio pioggia. Le previsioni meteo non sono delle migliori anche se gli  organizzatori sperano che la città venga risparmiata dai temporali. Se la “corsa di snitti” si svolgerà regolarmente a contendersi la vittoria finale saranno sei contrade: l’esordiente Santa Cristinetta, San Gottardo, San Rocco, San Bernardo, San Marco e Santa Croce. Al vincitore verrà assegnato il Trofeo alla memoria dell’ex Presidente della Pro loco Alberto Schiavi mentre al mattino alle 10,30 nella chiesa di San Gottardo verrà celebrata una messa per ricordare ad una anno esatto dalla tragica scomparsa Walter Nicolini che nel 2008 fece rinascere il Palio organizzandolo in prima persona sulla piazza del “suo” rione. Domani, tempo permettendo, le contrade (ognuna delle quali sarà rappresentata da due fantini) si daranno battaglia in due manches eliminatorie che determineranno la “griglia” per la finale. Sulla carta le migliori chances le ha il rione San Rocco che potrà fare affidamento su Agostino Di Cerbo che lo scorso anno in groppa a Birillo impose agli avversari la legge del più forte. Con i somarelli Di Cerbo, che di professione fa l’idraulico, ha un particolare feeling. Da anni li alleva per passione riservando loro gran parte del suo tempo libero. E a chi gli fa notare che l’asino non è un animale intelligente risponde con un sorriso disarmante: «È una falsità, un luogo comune che deve essere sfatato. Non solo è intelligente ma ama farsi coccolare soprattutto dai bambini». Di Cerbo ama talmente tanto gli asinelli che quelli che fanno parte del suo piccolo allevamento sono sicuri di morire di vecchiaia e di non finire nel piatto dei borgomaneresi come “tapulone”, il piatto tipico della città.

Carlo Panizza

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: sabato, 03 settembre 2011, 9:00 m.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top