Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 17 gennaio 2018
Articolo di: sabato, 15 gennaio 2011, 4:42 p.

Parabole: al via nuovo regolamento

Scaduti i termini di proroga per l'adeguamento alle nuove disposizioni

Borgomanero. Entro la fine del mese di gennaio le antenne paraboliche installate su balconi, terrazzi e sulle facciate degli edifici dovranno essere rimosse. Lo prevede il nuovo regolamento di Polizia Urbana approvato dal Consiglio comunale il 27 maggio 2010 ed entrato in vigore, il 19 giugno. Alle antenne paraboliche è dedicato l’articolo 15  dove viene stabilito che le antenne, sia condominiali che singole andranno posizionate sul tetto degli edifici nel lato considerato “interno o verso cortile”. Solo nel caso in cui questa soluzione non fosse praticabile l’antenna potrà eccezionalmente essere posta sul lato del tetto “verso strada”. Qualora anche questo non fosse possibile all’Ufficio tecnico comunale dovrà essere indirizzata una richiesta di deroga che dovrà avere allegata una documentazione fotografica e una relazione redatta da un installatore o da un tecnico abilitato che dimostri l’impossibilità a posizionare la parabola sul tetto. Tutte le antenne, il cui diametro non dovrà comunque essere superiore a 150 centimetri dovranno inoltre presentare una colorazione “capace di mimetizzarsi con quella del manto di copertura, della facciata o dell’ambiente, a seconda del posizionamento,oppure essere in materia trasparente”. Pur essendo entrato in vigore sette mesi fa il regolamento, per quanto riguarda la questione antenne prevedeva un periodo di moratoria entro il quale non sarebbero state comminate sanzioni a carico dei trasgressori. Questo periodo sta però per scadere e non sono previste ulteriori proroghe. Questo vuol dire che da martedì 1° febbraio chi non si sarà messo in regola ( e in città sono ancora tanti) scatteranno le sanzioni: sino a 300 euro con possibilità di pagare la multa in misura ridotta (100euro) se il pagamento verrà effettuato entro i 60 giorni successivi dalla data di contestazione dell’infrazione.

Carlo Panizza

Articolo di: sabato, 15 gennaio 2011, 4:42 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top