Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 29 aprile 2017
Articolo di: martedì, 12 febbraio 2013, 8:13 p.

Partono i lavori per l’ampliamento della direzione dell’istituto comprensivo del Vergante

Costo dell’opera, 510mila euro

INVORIO – “Con l’edificazione del cantiere di via Pulazzini, sono iniziati i lavori di ristrutturazione e ampiamento della segreteria e direzione dell’istituto comprensivo del Vergante, che comprende tutti i plessi scolastici, scuola dell’infanzia, primarie e secondarie, dei comuni di Invorio, Paruzzaro, Pisano, Colazza, Nebbiuno, Massino Visconti, Meina, Belgirate e Lesa”.

A darne informazione, con un comunicato stampa, è il sindaco di Invorio, nel Novarese, Dario Piola. “Tale istituto comprensivo – prosegue il primo cittadino – oltre a rappresentare un’eccellente dimostrazione di un amministrare collettivo tra enti pubblici, ravvisa il primato di essere l’istituto con più allievi di tutta la regione Piemonte, con ben 1.390 iscritti”.

“Il nuovo fabbricato ospiterà, con spazi più che raddoppiati – rileva Piola – la segreteria e la direzione dell’istituto comprensivo. L’edificio darà alloggio a tre nuovi ambulatori medici, una sala d’aspetto e i relativi servizi igienici. Il progetto comprende inoltre un’area per la fermata dei bus di linea e la creazione di un ampio parcheggio. Con questo nuovo luogo di sosta, 43 posti auto si aggiungeranno ai posteggi già esistenti in largo degli Alpini. Il costo complessivo è di 510mila euro, finanziati con un contributo regionale di 200mila euro e un mutuo della Cassa depositi e prestiti di 310mila. Le ristrettezze economiche del momento e il famigerato patto di stabilità che oggliga anche quei Comuni con sano bilancio e la possibilità di investimenti a congelare un inutile tesoretto non hanno reso impossibile questa sfida. Il resoconto finanziario con il raggiungimento non solo del pareggio di bilancio, ma un ragionato equilibrio di bilancio, permetterà all’Amministrazione comunale questo e altro, senza ridurre o eliminare i servizi esistenti”.

Monica Curino

Articolo di: martedì, 12 febbraio 2013, 8:13 p.
youkata
^ Top