Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 14 dicembre 2017
Articolo di: giovedì, 16 febbraio 2012, 4:49 p.

Pd: i Giovani con Cerutti, ma è polemica

A dieci giorni dalla primarie interviene l’ex segretario cittadino

BORGOMANERO - Nessun quartier generale e nessuna “officina del programma” per l’ex sindaco di Borgomanero Pierluigi Pastore, 59 anni, in vista delle primarie del centrosinistra che si terranno domenica 26 febbraio e che lo vedranno contrapposto ad Emanuele Cerutti detto Manuel di vent’anni più giovane. Dalle urne uscirà il candidato che sfiderà alle elezioni di primavera il sindaco in carica Anna Tinivella sostenuta dal centro-destra.

Pastore ha scelto di rivolgersi direttamente ai borgomaneresi e ha distribuito ai passanti in un improvvisato gazebo allestito in piazza Martiri una accorata lettera. “L’esperienza di sindaco - scrive Pastore - vissuta in modo intenso per un periodo continuativo di nove anni mi ha permesso di conoscere profondamente la città e i suoi abitanti. Durante l’Amministrazione da me presieduta sono state prese decisioni coraggiose che hanno permesso la realizzazione di numerose opere che hanno profondamente cambiato Borgomanero (…). Ma soprattutto durante la mia permanenza in Municipio ho incontrato centinaia di persone cercando di essere disponibile all’ascolto e al dialogo. A conclusione del mio mandato - prosegue Pastore - sono tornato al mio lavoro abituale e forse, proprio perché non sono un politico di professione, tale dialogo è continuato per strada, al telefono, al lavoro”.  

Pastore alle “primarie” sarà sostenuto da una lista civica e dalla “minoranza” del Circolo Pd che si identifica con l’ex assessore alla Viabilità Gaetano Vullo e da Gianni Barcellini, politico di lungo corso molto vicino agli ambienti cattolici locali. Cerutti invece potrà contare sulla “maggioranza” del Circolo Pd, della senatrice Franca Biondelli, di “Sinistra, ecologia, libertà”, “Italia dei valori” e dei “Giovani Democratici” che in un comunicato hanno spiegato le ragioni della loro scelta: “Noi pensiamo che una figura nuova come Emanuele, lontana dalle politiche partitiche e vicina alle politiche dei cittadini con la grande esperienza professionale nell’ambito sociale e assistenziale che si porta alle spalle, può dare una scossa giusta per risvegliare Borgomanero rendendola più viva e giovane”.

Una presa di posizione che all’interno del Pd ha provocato un vero e proprio “terremoto”. L’ex segretario cittadino Franca Gattoni Mercalli è intervenuta nel dibattito per sostenere la candidatura Pastore ma anche per mettere in guardia gli elettori del centro sinistra “dalla stucchevole litania del candidato giovane”. In un volantino Gattoni Mercalli sostiene che “se la giovinezza o presunta tale si accoppia all’inesperienza, l’usato sicuro è meglio”. 

Carlo Panizza

Articolo di: giovedì, 16 febbraio 2012, 4:49 p.
^ Top