Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 23 gennaio 2018
Articolo di: martedì, 10 luglio 2012, 12:47 p.

Pella ha costruito un ospedale in Burundi

Inaugurato in Africa il presidio sanitario frutto della solidarietà cusiana

PELLA - Le autorità del Burundi l'hanno ritenuta una delle opere più importanti realizzate negli ultimi 40 anni nel loro Paese. E a rendere possibile l'inaugurazione di questo nuovo ospedale è stata la generosità "made in Pella". Dal 2007 i cittadini di Pella e della sua frazione Alzo si sono infatti prodigati per una raccolta fondi diretta per la creazione di un ospedale a Masango, completo di attrezzature sanitarie. La città si trova in Burundi, stato africano grande come il Piemonte, martoriato da numerosi conflitti intertenici dal 1972 al 2005, e che vanta il triste record di essere tra i Paesi del mondo con il più alto tasso di denutrizione e la minor aspettativa di vita (appena 50 anni). L'ospedale di Masango, inaugurato domenica 8 luglio, è solo una dei tanti interventi realizzati grazie alla gara di solidarità di Pella. In questi anni sono stati creati (o sono in fase di realizzazione): un orfanatrofio, una casa delle ragazze, un acquedotto di 10 chilometri, un impianto solare per l'acqua calda, un nuovo generatore, un edificio lavanderia e un pollaio da allevamento. La spesa complessiva è stata finora di 400 mila euro, ma per completare i lavori sono necessari altri 60 mila euro. Proprio per questo a Pella il prossimo 21 e 22 luglio in piazza Motta si svolgerà un'ulteriore tranche della sagra solidale "Inieme per Masango", che sarà anche l'occasione per rendere noti in dettaglio i risultati raggiunti a Masango.

Lucia Panagini

 

Articolo di: martedì, 10 luglio 2012, 12:47 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top