Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 24 gennaio 2018
Articolo di: venerdì, 27 maggio 2011, 2:06 p.

Per un giorno Borgomanero vive la "Vie en rose"

Apertura del Giardino delle Rose antiche a Villa Marazza

BORGOMANERO - Sabato 28 maggio la rosa è protagonista assoluta di “Nel nome della rosa”, l’evento che aprirà ufficialmente il nuovo “Giardino delle rose antiche” al Parco di Villa Marazza.

La realizzazione del giardino, lungo il viale nord del parco, si inserisce nel progetto Interreg Italia-Svizzera "Biodiversità? Salviamola mangiandola", di cui è capofila il Consorzio Pro Loco del Lago d'Orta e dell'Alto Novarese: l’evento è stato reso possibile grazie alla collaborazione dell’assessorato alle Politiche Ambientali del Comune di Borgomanero e alla Pro Loco di Borgomanero.

Denso il programma della giornata: alle 15 viene inaugurato il “Giardino delle rose antiche”; alle 16, Giovanna Motta, esperta di cucina con le rose, terrà la conferenza “Petali di rosa in cucina”; alle 17 seguirà un originale minicorso di preparazione del vino di rose (chi vuole partecipare deve portare con sé mezzo litro di vino, bianco o rosso, un contenitore con tappo, filo da cucina e un ago); chiusura alle 18 col “risotto alle rose” preparato dalla Pro Loco di Omegna.

«Il “Giardino delle rose antiche” – sostiene l’assessore alle Politiche Ambientali Roberto Nonnis – è un ulteriore, prestigioso tassello che si inserisce nell’opera di rivalutazione dei parchi portata avanti dall’Amministrazione. Per questo abbiamo accolto con convinzione la proposta di Fabrizio Morea, presidente del Consorzio Pro Loco, e di Marilena Roversi Flury, direttore del progetto “Biodiversità? Salviamola mangiandola” ritenendola di livello assoluto: basta pensare, ad esempio, che le rose piantumate appartengono a varietà che risalgono dal XVI secolo (epoca di fondazione di Villa Marazza) al 1967 (anno della morte di Achille Marazza)».

Redazione online

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: venerdì, 27 maggio 2011, 2:06 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top