Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 26 giugno 2017
Articolo di: sabato, 25 agosto 2012, 10:00 m.

Quando Hollywood si spostò ad Orta San Giulio

In piazza si proietta “La spia del lago” ambientato tra borgo e isola

Più di 60 anni fa Orta si trasformò in un set cinematografico per una produzione di Hollywood. Tra borgo e isola fu infatti ambientato il film “La spia del lago”, che ora viene riproposto eccezionalmente sul grande schermo. A produrlo, in bianco e nero, la Paramount Pictures che si avvalse di attore e personale tecnico di linga inglese. Il regista era Mitchell Leinsen, l’interprete maschile Alan Ladd, attore di discreta fama, l’interprete femminile, in luogo della prevista Bergmann, tale Wanda Hendrix, attrice sconosciuta in Europa. Altro interprete maschile Francis Lederer che divenne famoso molto più avanti, per aver recitato fino a quasi 100 anni. La trama del film – tratta da un romando della scrittrice Martha Albrand – racconta del Capitano Bill Caray che, nel dopoguerra trona sul lago d’Orta, dove era stato in missione per il servizio segreto. Lì era stato catturato dai nazisti per colpa di una soffiata mentre la ragazzi di cui era innamorato, la partigiana Giulia, viene uccisa. Ora vuole scoprire chi era la spia, ma lo aspettano delle sorprese: Giulia, infatti, è viva e si è sposta controvoglia. In realtà più che il film ebbe successo la colonna sonora grazie alla canzone “Monna Lisa” di Jay Livingstone e Ray Evenas, autore di altre canzoni da Oscar. Una canzone poi ripresa anche in nel film “Hudson Hawk, il mago del furto”, nelle sale italiane nel 1991. Per vedere le immagine cinematografiche di Orta l’appuntamento è lunedì 27 agosto in piazza Motta dalle 21.

Lucia Panagini

Articolo di: sabato, 25 agosto 2012, 10:00 m.
youkata
^ Top