Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 12 dicembre 2017
Articolo di: domenica, 25 novembre 2012, 11:04 m.

Quando un allenatore del Novara finì ad Auschwitz

Una conferenza a Maggiora racconta le persecuzioni razziali viste dallo stadio

MAGGIORA – “La svastica allo stadio” : questo il titolo della conferenza in programma martedì 27 novembre alle 21 alla Biblioteca comunale di Maggiora. Relatore Giovanni Cerutti, ex assessore al comune di Borgomanero e direttore scientifico dell’Istituto storico della Resistenza “Piero Fornara” di Novara. Cerutti parlerà di due storie “simbolo” delle persecuzioni razziali in Italia. Quella di Arpad Weisz (nella foto) grande allenatore dell’Inter, poi passato al Novara e al Bologna che venne costretto con la famiglia nel 1939 a lasciare l’Italia per trasferirsi in Olanda dove dopo l’occupazione nazista venne catturato e avviato al campo di sterminio di Auschwitz con la moglie e i suoi due bambini dove venne ucciso nel gennaio 1944. Analoga storia quella di un altro sportivo, Ernst Erbstein, allenatore del Grande Torino anche lui rinchiuso in un campo di concentramento da cui però riuscì a scappare.

Carlo Panizza

Articolo di: domenica, 25 novembre 2012, 11:04 m.
^ Top