Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 18 dicembre 2017
Articolo di: mercoledì, 26 settembre 2012, 12:49 p.

Quattro km di percorsi pedonali per Bogogno

Finito in tempo record l'intervento in centro, ora si lavora sulla strada per Cressa

BOGOGNO - Quattro km di percorsi protetti, tra marciapiedi classici e a raso: sarà questo il risultato finale delle opere "amiche dei pedoni" intraprese recentemente dall'Amministrazione Comunale di Bogogno. L'ultima in ordine di tempo - il cantiere è stato chiuso la scorsa settimana - ha riguardato il centro storico, dove sono stati sistemate delle lastre ai bordi delle strade per segnalare le aree pedonali, con protezioni nei punti più critici. "Il lavoro è stato portato a termine molto velocemente - sottolinea il sindaco, Andrea Guglielmetti - In meno di tre settimane il cantiere, che è costato poco meno di 100 mila euro, è stato aperto e chiuso, grazie alla velocità dei posatori e alle ottime condizioni meteo". Ora, invece, si sta lavorando sulla strada per Cressa. "E' l'ultimo lotto del progetto percorsi protetti - continua il primo cittadino - Il collegamento si estenderà per un chilometro ed è prevista una spesa di 300 mila euro". Gran parte deille risorse, tutte provenienti dalle casse del Comune, derivano da economie precedenti. Con quest'ultimo tassello tutti gli accessi al paese, oltre al centro storico, avranno percorsi differenziati per i pedoni. Già "coperte", infatti, in passato le direzioni Suno e Agrate Conturbia, in estate è stato completato il percorso pedonale dal centro alla frazione Novella (area nord). E ora con l'ultimo interevento sulla strada per Cressa si arriverà all'obiettivo stabilito: 4 km di marciapiedi. Un piccolo record per un paese di 1300 abitanti, i quali, statisticamente, avranno a testa più di 3 metri di percorsi pedonali a testa.

Lucia Panagini

Articolo di: mercoledì, 26 settembre 2012, 12:49 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top