Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 21 novembre 2017
Articolo di: lunedì, 20 marzo 2017, 8:49 m.

Rallentano le vendite all’estero

Export novarese, calo verso i Paesi extra UE

NOVARA - Chiusura d’anno all’insegna della stabilità per le esportazioni novaresi, che nell’anno 2016 si attestano sui 4,6 miliardi di euro, evidenziando un andamento stazionario rispetto all’anno precedente, risultato più favorevole di quello registrato per l’intero territorio piemontese, il cui export è calato del -3%, ma inferiore a quello nazionale, cresciuto del +1,2% nel periodo di riferimento.
La performance novarese segue le variazioni positive di Asti, Biella e Vercelli, mentre per tutte le restanti province piemontesi riscontra un calo delle vendite all’estero.  
Sul fronte dell’import, il Novarese registra un leggero incremento annuo, pari al +0,6%, attestandosi, in termini di valore delle merci, sui 2,4 miliardi di euro.
Il saldo della bilancia commerciale si mantiene positivo e pari a 2,2 miliardi di euro, valore leggermente più basso di quello registrato nel 2015.
«La battuta d’arresto dell’export novarese giunge dopo una serie di risultati positivi – commenta Maurizio Comoli, presidente della Camera di Commercio di Novara – Nei sei anni precedenti la dinamica annua delle vendite all’estero è sempre apparsa in crescita, con una variazione che ha superato il +4% nel 2015. Nella prima metà del 2016 l’andamento si è mantenuto positivo, mentre a partire dal terzo trimestre si è registrata un’inversione di tendenza, con un calo tendenziale del -2%, che si è ridimensionato ad un -0,3% nel periodo ottobre-dicembre. Si tratta dunque un assestamento, che deve incoraggiare un sostegno ancora più deciso nei confronti delle nostre imprese, aiutandole ad affrontare le sfide dei i mercati esteri. Ne è un esempio il corso sull’internazionalizzazione per PMI promosso dalla Camera di Commercio grazie alla sua Azienda Speciale E.V.A.E.T., pensato per diffondere lo sviluppo di metodologie e competenze che consentano alle imprese di approcciare i mercati esteri con adeguata consapevolezza».

A incidere sul risultato novarese è il rallentamento delle vendite di prodotti manifatturieri all’estero, che rappresentano la quasi totalità delle esportazioni provinciali. Analizzando l’export dei principali comparti di attività economica si osserva un leggero incremento, pari al +0,7%, per i macchinari e apparecchiature (in cui risultano inclusi rubinetteria e valvolame), che si confermano il comparto più rilevante, con un’incidenza sull’ export provinciale superiore al 28%.

Appaiono invece in diminuzione le sostanze e i prodotti chimici (-7,3% rispetto al 2015), che si trovano al secondo posto nella classifica provinciale delle vendite all’estero, con una quota del 13%.

In discesa risultano anche i prodotti del tessibile-abbigliamento (accessori inclusi), collocati al terzo posto con una quota dell’11% e caratterizzati da un calo delle vendite del -2,6%. Più stabile l’alimentare, che registra una variazione del +0,2% e che, con il 9,4% delle vendite novaresi all’estero, si attesta in quarta posizione.

Per quanto riguarda i mercati di sbocco, l’Unione Europea si conferma la principale destinazione delle merci novaresi, con una quota pari al 61,7% dell’export. La performance dei mercati comunitari appare più favorevole della media provinciale, registrando una crescita delle esportazioni del +3%. Guardando ai singoli Paesi, si riscontra una condizione di stabilità delle vendite dirette in Germania (+0,1%), primo mercato dell’export novarese. Flettono le esportazioni verso la Francia (-3,3%), secondo mercato di riferimento, così come quelle verso il Regno Unito (-7,3) e i Paesi Bassi (-5,7%). Crescono, invece, le vendite sul mercato spagnolo (+3,9%), con un incremento a doppia cifra di quelle rivolte verso la Polonia (+24,1%).

In merito alle vendite dirette verso i Paesi extra-UE 28 si registra una diminuzione complessiva del -5%, con una variazione significativamente in calo rispetto al mercato svizzero (-27,3%) e, viceversa, un vivace incremento verso quello statunitense (+19,7).  

Articolo di: lunedì, 20 marzo 2017, 8:49 m.
youkata

Dal Territorio

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero
BORGOMANERO - Secondo i dati ufficiali contenuti nel rapporto redatto dal Ministero della Salute, in Italia nel 2014 i celiaci erano 172.197, con un incremento di quasi ottomila unità rispetto al 2013 e addirittura di 23.500 rispetto al 2012. La celiachia è definita dalla scienza medica come una infiammazione cronica dell'intestino tenue, scatenata dall'ingestione di glutine(...)

continua »

Altre notizie

^ Top