Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
giovedì, 14 dicembre 2017
Articolo di: martedì, 22 maggio 2012, 9:22 p.

Rapinatore condannato a 4 anni e due mesi

Aveva rapinato un supermercato a Borgomanero a novembre

Ha chiesto scusa alle vittime della rapina di cui è stato protagonista il 5 novembre scorso a Borgomanero, ma questo non è servito a risparmiargli una condanna a 4 anni e 2 mesi di carcere e una multa da 600 euro; pena lievemente più pesante di quella richiesta dal pm Nicola Serianni (4 anni e multa di 800 euro).
E' la sentenza emessa oggi pomeriggio, martedì 22 maggio, in Tribunale a Novara, nei confronti di R.M., 33enne marocchino, ribattezzato il rapinatore con la bicicletta gialla. L'uomo che, ai primi di novembre, aveva rapinato il Carrefour Express di viale Marazza.
Il malvivente aveva agito con il volto coperto da un passamontagna, sotto l'effetto di alcol e armato di un lungo coltello. Stando a quanto raccontarono i Carabinieri, che giunsero al suo arresto non molto tempo dopo, l'uomo sarebbe stato disposto a tutto pur di farsi consegnare dalla commessa il bottino.
Il rapinatore aveva poi fatto perdere le proprie tracce, allontanandosi in sella a una bici gialla, inseguito invano dal proprietario del negozio. E proprio dalla due ruote, ritrovata poco distante dal luogo del crimine, sono iniziate le indagini dei Carabinieri, che hanno portato all'individuazione dell'utilizzatore del mezzo. Il medesimo giorno della rapina, tra l'altro, il 33enne era stato visto girare nei pressi del market e altri l'avrebbero notato in un altro negozio, mentre acquistava il coltello poi usato per il reato.L'uomo, da 13 anni in Italia, nonostante avesse agito travisato, era stato poi riconosciuto dai testimoni. «E' stato colto in flagranza di reato – ha spiegato Serianni – Ha riconosciuto le sue colpe (anche in apertura di processo, ndr), ma forse serve qualcosa di più, delle scuse nei confronti delle vittime della rapina. Si era giunti a lui grazie alla bicicletta gialla, di proprietà di un italiano, ma lasciata in uso all'imputato». Il 33enne non è incensurato (ha un precedente per rissa, ndr), ma, come sottolineato dal pm, «non aveva mai creato problemi sino al novembre scorso; periodo in cui era senza lavoro e aveva iniziato ad abusare di alcol. Nulla che giustifichi il gesto. Per questo chiedo 4 anni di reclusione e 800 euro di multa». Prima che il collegio si ritirasse in Camera di consiglio, il giovane ha chiesto scusa alle sue vittime, in lacrime.

Monica Curino

Articolo di: martedì, 22 maggio 2012, 9:22 p.
^ Top