Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: venerdì, 10 febbraio 2012, 8:40 p.

Romagnano Sesia: continuano le indagini per l'incendio all'Hilton

Danni anche ad alcuni stabili vicini

ROMAGNANO SESIA - Sono continuate anche oggi, venerdì 10 febbraio, a Romagnano Sesia, le indagini relative all'incendio che, intorno alla mezzanotte di giovedì, ha letteralmente distrutto un capannone della Hilton Vestimenti, lungo la provinciale 299 della Valsesia.

Sul posto, per tutta la mattina, si sono avvicendati i Carabinieri (che indagano sull'episodio, giovedì sono intervenuti anche gli uomini del Nucleo rilievi scientifici dell'Arma di Novara), i vigili del fuoco, per completare la messa in sicurezza dell'area, ma anche molti curiosi, che sono giunti a osservare quanto provocato dall'esplosione e dal relativo rogo. L'esplosione ha provocato qualche danno anche alle strutture e alle attività vicine, pur se, fortunatamente, limitati.

Al biscottificio Rossi due vetrate sono andate scheggiate e una crepa si è segnalata nel pavimento. L'esplosione ha determinato, nel capannone dell'Hilton, il crollo della soletta del tetto e la deflagrazione ha danneggiato anche il pavimento che separa il magazzino dal piano seminterrato.

Ora si cerca di capire cosa sia accaduto e cosa abbia determinato un danno così notevole. Certo si è trattato di un incendio di natura dolosa (nell'area è stata già rinvenuta una tanica di benzina). Un rogo che ha provocato anche il decesso di un giovane di soli 20 anni, residente a Divignano, trovato esanime all'interno del magazzino.

Solo a dicembre la zona della Valsesia aveva visto un altro grosso e devastante incendio, quello al mobilificio Vinzio di Grignasco, in via Peretti 71, all'ingresso del paese della Bassa Valsesia. A causare il rogo, in quell'occasione, sarebbe stato un corto circuito.

Monica Curino

Articolo di: venerdì, 10 febbraio 2012, 8:40 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top