Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
mercoledì, 20 settembre 2017
Articolo di: mercoledì, 01 agosto 2012, 4:53 p.

Sagra dei Ravanit in tempo di crisi

Ma i pochi soldi da spendere non fermano la voglia di festa

VERUNO - La crisi colpisce anche le sagre di paese: tanta gente come sempre, ma meno incassi di una volta. L'austerity (o la necessità di tirare la cinghia, come preferite) si ripercuote sugli eventi dell'estate del borgomanerese, anche quest'anno molto ricca di appuntamenti. Succede quasi ovunque e lo testimonia Mauro Deambrogio, presidente della Pro Loco di Veruno che ha appena chiuso la Sagra dei Ravanit a Revislate. "Abbiamo risentito un po' della crisi: la presenza di pubblico è stata ottima ma, rispetto agli anni scorsi, tanti partecipanti hanno contenuto le spese". Insomma, uscire a divertirsi sì, ma stando attenti al portafoglio. Il bilancio della 36esima edizione della "Sagra dei Ravanit" è comunque positivo: "Abbiamo avuto circa un migliaio di visitatori per ogni evento serale e per gli appuntamenti sportivi" racconta il presidente Deambrogio. Le serate più apprezzate? Di certo, le domeniche del liscio con due orchestre tra le più quotate del settore, poi il concerto della filarmonica di Veruno e la gara podistica inserita nel calendario della Gamba d'Oro, che ha visto alla partenza oltre 600 appassionati. Ma come sempre il vero "piatto forte" è stata la cucina con la deliziosa pizza cotta nel forno a legna e la mitica frittura di pesce. "Abbiamo riproposto il tagliere di prodotti ossolani, con il tagliere da portare a casa a fine cena, che tanto era piaciuto l'anno scorso - conclude Mauro Deambrogio - E abbiamo dato spazio ai prodotti del territorio, proponendo i mirtilli freschi di un'azienda agricola di Gattico". Ideali per addolcire questo amaro periodo di crisi.

Lucia Panagini

Articolo di: mercoledì, 01 agosto 2012, 4:53 p.
youkata
^ Top