Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: venerdì, 29 giugno 2012, 6:42 p.

Serie di Comitati per l'ordine e la sicurezza nei principali Comuni della provincia

Il primo, venerdì 29 giugno, a Borgomanero

BORGOMANERO – Ha preso il via oggi venerdì nell’aula Consigliare di Palazzo Tornielli il programma predisposto dal Prefetto di Novara Francesco Paolo Castaldo relativo allo svolgimento di una serie di Comitati per l’Ordine e la Sicurezza presso i maggiori Comuni della provincia. All’incontro odierno oltre al Sindaco di Borgomanero Anna Tinivella , al Questore, ai Comandanti provinciali di Carabinieri, Guardia di Finanza e Corpo Forestale dello Stato, erano presenti l’Assessore provinciale alla viabilità Gianluca Godio e i Sindaci di Boca, Briga Novarese, Cavallirio, Cressa, Cureggio, Fontaneto d’Agogna, Gattico, Grignasco, Maggiora, Prato Sesia e Romagnano Sesia. Il Comitato – si legge in un comunicato diffuso al termine della riunione- ha preso in esame la situazione dell’ordine e della sicurezza pubblica nell’ambito della panoramica del territorio offerta dai Sindaci, che per più versi presenta aspetti in comune: microcriminalità in relazione a piccoli furti,. Problematiche sociali connesse alla crisi nel mondo del lavoro, esigenze di maggiore controllo sull’uso delle apparecchiature dei videogiochi ed atti di vandalismo perpetrati dagli adolescenti, dovuti per lo più al mal costume. Rassicurazioni sono state date dal Prefetto e dai rappresentanti delle Forze dell’ordine in merito all’assenza, secondo i dati sulla criminalità a livello provinciale, di una recrudescenza dei reati predatori, circa l’attenzione prestata alla prevenzione delle tensioni sociali dovute alla crisi che possano generare turbative all’ordine pubblico. All’esame del Comitato anche le iniziative finalizzate alla prevenzione del rischio di infiltrazioni della criminalità organizzata in determinati settori di attività economica quali l’autotrasporto, il trattamento e il conferimento dei rifiuti e le attività estrattive. Grande attenzione è stata assicurata anche alla lotta all’evasione fiscale nell’ottica del controllo di quei fattori negativi che possono ostacolare la ripresa economica del novarese.

Carlo Panizza

Articolo di: venerdì, 29 giugno 2012, 6:42 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top