Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 15 dicembre 2017
Articolo di: venerdì, 23 settembre 2011, 12:03 m.

Sfiorato un nuovo stop ai lavori sui corsi a Borgomanero

Durante gli scavi è stato scoperto un muro, a cui però non è attribuibile alcun valore storico

BORGOMANERO - Dopo i ritardi provocati dal ricorso al Tar da parte dell’impresa seconda classificata nella gara d’appalto, i lavori di riqualificazione dei quattro corsi cittadini e di piazza Martiri avviati lunedì 12 settembre hanno rischiato una nuova brusca interruzione. Durante gli scavi in corso Roma è infatti venuto alla luce un muro che ha costretto le imprese appaltatrici dell’opera, la “Cerutti Lorenzo srl” di Borgomanero e la “Origini srl” di Grumello del Monte, a bloccare i lavori per richiedere l’intervento di un archeologo e del funzionario della competente Soprintendenza regionale.

Tutto fortunatamente, come ci ha confermato l’assessore ai Servizi tecnologici Sergio Bossi si è risolto per il meglio. Il sopralluogo effettuato ha infatti permesso di escludere che il manufatto avesse il benché minimo valore storico. Più semplicemente si trattava di vecchie fondamenta di un edificio ricostruito in tempi relativamente recenti.

Favoriti anche dalle buone condizioni meteorologiche i lavori stanno procedendo secondo programma. La prima fase dell’intervento sta interessando corso Roma nel tratto compreso tra piazza XX Settembre e via Caneto, lato numeri civici pari e corso Cavour nel tratto compreso tra piazza Martiri e via Sanado, anche qui sul lato contrassegnato dai numeri pari. La durata di questa prima fase sarà di 40 giorni.

I lavori in corso hanno costretto gli amministratori locali ad adottare alcuni provvedimenti di modifica nella viabilità interna che sono stati ulteriormente integrati il 20 settembre con una nuova ordinanza che istituisce nei tratti di corso Cavour e di corso Roma aperti alla circolazione stradale il limite massimo di velocità di 20 km/orari e la chiusura temporanea e totale dei due corsi quando le imprese devono intervenire con mezzi pesanti per esigenze di cantiere.

Da venerdì 16 inoltre i banchi del mercato settimanale che erano dislocati nelle aree occupate dai cantieri sono stati trasferiti temporaneamente in piazza D’Acquisto, la maggiore area parcheggio in prossimità del centro storico. Per alleviare i disagi i veicoli potranno parcheggiare all’interno dell’area del Foro Boario in via Libertà.

Carlo Panizza

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: venerdì, 23 settembre 2011, 12:03 m.
^ Top