Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 20 novembre 2017
Articolo di: sabato, 09 luglio 2011, 12:32 m.

Si avvia alla conclusione il complesso iter per la tangenziale di Fara

Iniziate le operazioni propedeutiche all’apertura del cantiere

FARA NOVARESE - Il complesso iter procedurale che consentirà l’inizio dei lavori della variante di Fara Novarese, lungo la  Strada provinciale  299  della  Valsesia, sta per concludersi. Sono infatti cominciate le  operazioni  propedeutiche all’apertura del cantiere da parte dell’impresa appaltatrice, che sta procedendo alla definitiva delimitazione delle aree da occupare, al tracciamento del nuovo asse stradale e al taglio delle residue alberature, che i privati hanno ritenuto superflue.

Terminata questa fase si procederà alla bonifica bellica del nuovo sedime stradale, alla ricerca di  eventuali ordigni inesplosi. Inizieranno quindi i lavori veri e propri relativi alla costruzione della  nuova  variante, tenendo conto anche delle esigenze di Briona.

Il progetto, come annunciato dal presidente della Provincia, Diego Sozzani, e dall’assessore ai Lavori pubblici, Gianluca Godio, sin dall’inizio della  legislatura, è infatti studiato in modo tale da consentire un prolungamento del tracciato fino alla realizzazione della variante all’abitato di Briona.

La definitiva approvazione dell’opera arriverà nel corso della prossima seduta di Giunta, prevista per il 19 luglio. “In previsione del naturale lotto di completamento da Fara a Briona – ha precisato l’assessore Godio – porteremo a compimento la completa riqualificazione e messa in sicurezza della viabilità di tutta la Valsesia”. Questa programmazione è stata al centro del dibattito e delle politiche sviluppate dalle passate Amministrazioni che si sono succedute nell’ultimo decennio. “Oggi, grazie all’impegno di tutta la Giunta, siamo riusciti a sbloccare un iter procedurale che aveva avuto molti intoppi anche in termini giurisdizionali, basti ricordare – ha commentato il presidente Sozzani – i ricorsi al Tar a seguito della gara d’appalto”. Ostacoli anche dal punto di vista finanziario superati non senza difficoltà dalla Provincia, che ha assicurato la copertura dei costi pari a 9 milioni di euro.

Redazione online

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Gallery articolo
*clicca sulle immagini per ingrandire

Progetto (1).jpg

Articolo di: sabato, 09 luglio 2011, 12:32 m.
youkata

Dal Territorio

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero
BORGOMANERO - Secondo i dati ufficiali contenuti nel rapporto redatto dal Ministero della Salute, in Italia nel 2014 i celiaci erano 172.197, con un incremento di quasi ottomila unità rispetto al 2013 e addirittura di 23.500 rispetto al 2012. La celiachia è definita dalla scienza medica come una infiammazione cronica dell'intestino tenue, scatenata dall'ingestione di glutine(...)

continua »

Altre notizie

^ Top