Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
martedì, 21 novembre 2017
Articolo di: sabato, 15 ottobre 2011, 4:42 p.

Sindaco di Ghemme come il capitano del Bounty

La minoranza prepara manifesto-caricatura, per il primo cittadino “si sono dati al cabaret”

GHEMME - “Ciurma, pardon Giunta, è l’ora di ammutinarsi!”: è l’invito alla squadra amministrativa del sindaco di Ghemme, Alfredo Corazza, che da ieri campeggia nella piazza del paese valsesiano. Una sollecitazione che arriva da parte del capogruppo della minoranza “Viva Ghemme Viva”, Davide Brusotti, non nuovo ad imprese del genere. 

Stavolta il vulcanico consigliere si è ispirato agli ammutinati del Bounty: ecco quindi il sindaco Corazza in versione capitano, mentre il resto della Giunta nei panni dei marinai, in un mega manifesto. “L’unico modo per uscire dal dissesto economico in cui versano le casse del Comune è affidare il municipio al commissario prefettizio” è la tesi di Davide Brusotti. E per farlo è la Giunta che deve abbandonare la nave, tanto per rimanere in metafora marinaresca. A preoccupare la minoranza è il buco da 600 mila euro che graverebbe sulle casse comunali: “Un deficit che il sindaco dice di aver ereditato dall’amministrazione precedente – spiega Brusotti – Non ho mai difeso il sindaco Enoch ma stavolta glielo devo: ha fatto poco per il nostro paese ma non ha fatto debiti”. A pesare sui conti ghemmesi, secondo la minoranza, sarebbe una gestione troppo “sprecona”: il palazzetto dello sport sempre in perdita, la cucina da 3600 pasti “chi l’ha mai vista un’opera del genere in un paese che ha lo stesso numero di abitanti”. 

“Questa minoranza si è data alla cabaret, perché queste azioni non dimostrano un atteggiamento da amministrare ma solo la volontà di fare qualche battuta” è il commento a caldo del sindaco di Ghemme, Alfredo Corazza, davanti al nuovo manifesto satirico-politico. Se la minoranza consiglia alla Giunta di ammutinarsi come sul Bounty, il primo cittadino sembra suggerire al capogruppo Brusotti di andare a Zelig.

A far infervorare il sindaco non è tanto la caricatura ma l’affermazione che la “barca stia affondando”: “Non è assolutamente vero, c’è qualche problema ma quei 4 milioni buttati che vede Brusotti sono in realtà 4 milioni di investimenti fatti per migliorare Ghemme, ad esempio, il poliambulatorio, l’illuminazione pubblica e la nuova scuola elementare”. Per far capire la situazione Alfredo Corazza usa la metafora del “buon padre di famiglia” che sta spendendo sì, ma per la comunità. In più una parte consistente delle spese va al recupero di quel “tesoretto” di immobili comunali che “potrebbero venir utili in futuro se mai si dovesse presentare davvero una difficile situazione di bilancio”.

Lucia Panagini 

Articolo di: sabato, 15 ottobre 2011, 4:42 p.
youkata

Dal Territorio

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero

Cucinare senza glutine: il corso a Borgomanero
BORGOMANERO - Secondo i dati ufficiali contenuti nel rapporto redatto dal Ministero della Salute, in Italia nel 2014 i celiaci erano 172.197, con un incremento di quasi ottomila unità rispetto al 2013 e addirittura di 23.500 rispetto al 2012. La celiachia è definita dalla scienza medica come una infiammazione cronica dell'intestino tenue, scatenata dall'ingestione di glutine(...)

continua »

Altre notizie

^ Top