Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 11 dicembre 2017
Articolo di: sabato, 16 luglio 2011, 12:00 m.

Sottopasso, dopo 30 anni c’è una firma

Protocollo tra Comune di Borgomanero e Provincia di Novara per eliminare i passaggi a livello

BORGOMANERO - L’Amministrazione comunale di Casalino avanza riserve sul progetto già finanziato per la costruzione della tangenziale e come risposta Provincia di Novara e Regione minacciano di utilizzare i fondi destinati per tale opera dalla Società regionale Rcr per altri interventi sul territorio novarese. Tra questi il sottopasso che a Borgomanero consentirebbe di superare le linee ferroviarie “Novara-Domodossola” e “Arona-Santhià” consentendo lo smantellamento dei passaggi a livello di via Arona e di via Fratelli Maioni che tagliano in due la città provocando disagi alla circolazione stradale e al transito dei mezzi di soccorso.

Lo hanno detto chiaramente venerdì mattina nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Palazzo Tornielli il presidente della Provincia Diego Sozzani e l’assessore regionale alla Viabilità Barbara Bonino. Al termine dell’incontro al quale era presente anche l’assessore provinciale alla Viabilità Gianluca Godio, Sozzani e il sindaco Anna Tinivella hanno sottoscritto un “protocollo d’intesa” firmato “per presa visione” anche dalla Bonino con cui “Provincia e Comune si attiveranno congiuntamente per ottenere il finanziamento promesso dalla Regione tramite Scr necessario alla realizzazione del sottopasso”.

Del superamento delle linee ferroviarie se ne parla da trent’anni, da quando cioè il Consiglio comunale al termine di una burrascosa seduta bocciò nel 1982 il progetto redatto dall’ingegner Bruno Stupazzini del Compartimento Anas di Torino che prevedeva la realizzazione di un sottopasso da realizzarsi sotto la stazione ferroviaria partendo da viale Marazza.

Carlo Panizza

 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: sabato, 16 luglio 2011, 1:40 p.
^ Top