Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 16 dicembre 2017
Articolo di: mercoledì, 01 febbraio 2012, 12:11 m.

Sperimentazione pubblico-privata del Coq di Omegna

Via libera al disegno di legge per prorogarne la durata di 5 anni

OMEGNA - La Commissione Legislativa del Consiglio regionale del Piemonte ha approvato il Disegno di legge n. 227 presentato il 23 gennaio 2012 che sostituisce l’articolo 23 della legge regionale n. 12 del maggio 2008 e delle relative modifiche, in tema di partecipazioni societarie di aziende sanitarie regionali e di sperimentazioni gestionali.
Tali sperimentazioni di nuove modalità di gestione e di organizzazione nell’erogazione dei sevizi sanitari e socio-sanitari sono autorizzate dalla Giunta regionale che, in virtù del ddl approvato, potrà autorizzare le sperimentazioni fino a un massimo di 5 anni, su proposta delle aziende sanitarie interessate. 
“Si tratta di uno strumento legislativo essenziale per il quale mi sono battuto in prima persona, al fine di consentire una progressiva stabilizzazione della positiva esperienza pubblico-privata del Coq (Centro Ortopedico di Quadrante, ndr) di Omegna – commenta con soddisfazione il Presidente del Consiglio regionale del Piemonte Valerio Cattaneo -  L’obiettivo della sperimentazione gestionale dell’ospedale di Omegna, avviata nel maggio del 2001 con un’apposita delibera dell’allora Giunta Ghigo, si poneva l’obiettivo di specializzare il presidio ospedaliero come Centro Ortopedico di Quadrante e quindi di superare le criticità connesse con la precedente configurazione e gestione del Madonna del Popolo a rischio di chiusura o comunque di un sensibile ridimensionamento. 
Oggi è possibile prorogare per 5 anni e nel caso per altri 5 anni successivi, questa importante esperienza; ritengo sia una logica evoluzione temporale della gestione del Coq che avrà il tempo necessario per completare il piano di attività previsto e soprattutto di pianificare un’adeguata politica di investimenti senza dover attendere proroghe parziali anno dopo anno come avvenuto fino ad oggi.
Anche in tema di trasparenza – aggiunge Cattaneo - il ddl approvato dalla Commissione Legislativa fissa il principio che, qualora in sede di avvio della sperimentazione, il socio privato non sia stato scelto con procedura a evidenza pubblica, in sede di trasformazione della gestione sperimentale dei servizi in gestione ordinaria, si debba provvedere ad attivare questa procedura”.
"Ringrazio il Presidente Cattaneo e tutti coloro che hanno sostenuto l'approvazione di questo Disegno di Legge – ha commentato dal canto suo il presidente della Provincia del Vco Massimo Nobili - davvero importante per avere garanzie sulla futura attività medico-sanitaria dell'Ospedale di Omegna. Ora l'auspicio è che in tempi brevissimi la Giunta Regionale possa adottare il provvedimento che consentirà al Centro Ortopedico di Quadrante di Omegna di proseguire con serenità e certezze la sua sperimentazione gestionale pubblico-privata con una prospettiva sufficientemente estesa per programmare la propria attività".

Redazione online 

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato 

Articolo di: mercoledì, 01 febbraio 2012, 12:11 m.
^ Top