Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 22 gennaio 2018
Articolo di: giovedì, 31 maggio 2012, 12:12 p.

Studenti di Borgomanero in viaggio nella storia

Giornata conclusiva del concorso, vinto da Liceo Scientifico Galilei e Iti Da Vinci

BORGOMANERO - Si è tenuto martedì pomeriggio nel salone d’onore di Villa Marazza l’incontro di “restituzione pubblica sull’esperienza di partecipazione al concorso regionale di storia contemporanea da parte degli studenti di Borgomanero”. L’incontro è stato promosso dall’amministrazione comunale, dall’Istituto storico della Resistenza di Novara e dal Consiglio Regionale che per il 31° anno consecutivo ha organizzato il concorso regionale di storia contemporanea in collaborazione con le otto Province piemontesi e la Direzione generale dell’Ufficio scolastico regionale. Un’iniziativa che ha sino a quest’anno coinvolto oltre trentacinquemila studenti e più di mille insegnanti. Tre i temi scelti per l’edizione 2011-2012: “Essere italiani nel XXI secolo: come cambia e si trasforma l’idea di cittadinanza”; “Il ritorno dal lager nella memorialistica femminile”; “Il ruolo della giustizia internazionale nei conflitti contemporanei”. Per quanto riguarda la Provincia di Novara sono risultati vincitori del concorso tre gruppi di lavoro borgomaneresi: il Liceo scientifico “Galileo Galilei” (professoressa Caterina Radaelli e professor Tommaso Scappini) con il gruppo formato da Chiara Zanetta, Paola Zanetta, Alessia Renolfi, Riccardo Pagani e Valentina Antonioli che hanno scelto come tema “Il ritorno dal lager nella memorialistica femminile”; è risultato vincitore con lo stesso tema anche un altro gruppo di lavoro appartenente sempre allo stesso istituto scolastico formato da Carlotta Citati, Silvia Barbieri, Veronica Valloggia, Marsela Mersini e Maia Lepore (insegnante Lorena Baron). Ha scelto come tema “IL ruolo della giustizia internazionale neio conflitti contemporanei” il terzo gruppo vincitore, formato dagli studenti dell’Iti “Leonardo da Vinci” coordinato dal professor Michelangelo Di Cerbo : Sara Scattolini, Lucia Pastore, Jennifer Facchini, Veronica Ligato, Niccolò Prone e Christopher Avondo. Per tutti un viaggio di istruzione nei luoghi della memoria: la Risiera di San Sabba e la foiba di Basovizza; il campo di sterminio di Mauthausen e la visita ai luoghi della guerra nell’ex Jugoslavia a Sarajevo, Mostar e Srebrenica. All’incontro a Villa Marazza sono intervenuti il Sindaco Anna Tinivella e il direttore dell’Istituto storico della Resistenza di Novara Giovanni Antonio Cerutti.

Carlo Panizza

Articolo di: giovedì, 31 maggio 2012, 12:12 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top