Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 22 gennaio 2018
Articolo di: venerdì, 10 novembre 2017, 2:42 p.

Tre giovanissimi borgomaneresi campioni del mondo di karate

La società Reb Bu Kan festeggia il mezzo secolo di vita con un tris di medaglie d'oro

BORGOMANERO - I Campionati del Mondo di karate, specialità “kata” parlano borgomanerese. Tre giovanissimi atleti della “Reb Bu Kan”, società sportiva che si appresta a festeggiare mezzo secolo di attività e che come in origine è ancora diretta dal maestro Walter Corrà, hanno conquistato la medaglia d’oro ai campionati mondiali che si sono tenuti a Crawley località ad una cinquantina di chilometri di distanza da Londra e che hanno visto la partecipazione di atleti provenienti da ventidue nazioni. Nella classifica a squadre sono saliti sul gradino più alto del podio Sara Leu di 8 anni, Lorenzo Marasco di 7 e il suo coetaneo Daniel Marasco residente a Cureggio. Ma le tre promesse del karate si sono fatte onore anche nelle gare individuali: Daniel ha conquistato la medaglia d’argento mentre Lorenzo e Sara hanno portato a casa la medaglia di bronzo. “E’ per tutti noi e per me personalmente - ci ha detto Corrà – una grande soddisfazione che ci ripaga di tutti gli sforzi e i sacrifici fatti. Gli atleti nonostante la giovanissima età hanno meticolosamente seguito gli allenamenti dimostrando grinta e determinazione”. Nella palestra di piazza Mazzini 88 ogni giorno si allenano una ventina di ragazzi e ragazze che non solo praticano karate ma anche judo. Altrettanti sono gli adulti con una crescita esponenziale delle donne, molte delle quali sono interessate alle lezioni di difesa personale. Nella foto, il maestro Walter Corrà, cintura nera, con alle suespalle i tre piccoli protagonisti dell’impresa mondiale”.

Carlo Panizza

Articolo di: venerdì, 10 novembre 2017, 2:42 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top