Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
sabato, 20 gennaio 2018
Articolo di: venerdì, 11 gennaio 2013, 8:25 p.

Tredicenne scompare da casa a Ghemme

Le ricerche dei carabinieri e l’appello dei genitori

GHEMME - Chi ha visto la ragazzina che appare in questa foto recente, uscita dalla sua casa di Ghemme, in provincia di Novara, giovedì mattina 10 gennaio, prima delle 8 per andare a scuola, ma poi sparita nel nulla?

Si chiama Sara, compirà 13 anni il 5 febbraio, ed è la figlia adottiva della famiglia Zuin, ora disperata. E’ il padre Pierluigi a lanciare l’appello: «Sara giovedì in realtà non è mai andata a scuola - frequenta la 3° media - e noi ce ne siamo accorti quando non è rientrata a casa a mezzogiorno. Abbiamo trovato la sua cartella seminascosta in Stazione qui a Ghemme: conteneva i vestiti che indossava quando era uscita di casa. Si è evidentemente cambiata, ma sappiamo solo che ora dovrebbe avere dei leggins neri e degli anfibi». Si tratta quasi certamente di un allontanamento volontario, denunciato ai Carabinieri, che hanno subito avviato le ricerche.

Presumibilmente la ragazzina ha preso un treno, forse per Novara, ed è per questo che sono già stati interrogati anche capitreno e controllori, visto anche che deve aver acquistato il biglietto a bordo non essendo possibile farlo nella Stazione ghemmese. Sara non ha con sé il cellulare. I genitori sono in angoscia, così come parenti e amici, e ovviamente non è una consolazione il fatto che appunto si tratterebbe di un gesto volontario. Oltretutto la ragazzina dimostra sì qualche anno in più - è alta 1.55 per 55 chili - ma non ha mai viaggiato da sola e difficilmente sa “orientarsi”. Chi l’avesse vista o potesse fornire indicazioni utili alle ricerche può rivolgersi al 112.

Paolo Viviani

Articolo di: venerdì, 11 gennaio 2013, 8:25 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top