Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 25 febbraio 2018
Articolo di: domenica, 11 marzo 2012, 4:19 p.

Un libro in ricordo di don Giacomo Boschetti

A tre anni dalla scomparsa un volume ripercorre la vita del sacerdote borgomanerese

BORGOMANERO – Un libro per ricordare a quasi tre anni dalla scomparsa don Giacomo Boschetti. Verrà presentato sabato prossimo 17 marzo alle 16,30 all’Oratorio Parrocchiale di via Dante dal prevosto don Piero Cerutti, dal curatore del testo Claudio Pomella, dal Sindaco di Agrate Conturbia Angelo Gatti, da Teresina Boschetti cognata di don Giacomo nonché presidente della locale sezione Anffas e dall’assistente oratoriano don Riccardo Zaninetti. Il volume edito dalla Stampa Diocesana Novarese è intitolato “O car Signor”, un’espressione usata spesso dal sacerdote scomparso.

Nato a Gozzano ma di origini borgomaeresi il 17 marzo 1928 don Giacomo aveva svolto il ministero sacerdotale a Ramate, Cireggio e Ornavasso prima di assumere l’incarico di cappellano dell’Ospedale Maggiore di Novara e di assistente dell’Oftal, l’associazione di volontariato che si occupa del trasporto dei malati nei pellegrinaggi a Lourdes. I suoi ultimi incarichi furono quelli di parroco ad Agrate Conturbia dove il libro verrà presentato domenica 18 marzo a mezzogiorno nella Chiesa Parrocchiale e di cappellano presso la Clinica “Fondazione Maugeri” di Veruno.

Il ricavato della vendita del volume la cui presentazione è curata da monsignor Piefranco Pastore, già segretario della Pontificia Commissione delle Comunicazioni Sociali verrà devoluto a favore dell’Oratorio di Borgomanero.

Carlo Panizza

[nella foto, don Giacomo Boschetti con l'allora vescovo di Novara monsignor Corti] 

Articolo di: domenica, 11 marzo 2012, 4:19 p.

Dal Territorio

Elisa e la scelta di partorire in casa

Elisa e la scelta di partorire in casa
GARGALLO L’intimità di un momento unico, vissuto in casa con la propria famiglia, partecipe dell’evolversi dell’evento. Elisa Botto Steglia ci accoglie, a poche settimane dal parto, sorridente e serena con il suo bimbo in braccio. Sullo sfondo della stanza i disegni colorati del suo primo figlio. Per la giovane mamma la decisione di partorire a casa (seguita ad un(...)

continua »

Altre notizie

^ Top