Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: lunedì, 14 febbraio 2011, 7:06 p.

Valle Strona, nuovo pulmino

E' stato acquistato dalla Comunità montana

OMEGNA - Piacevole quanto gradita novità l’entrata in funzione del nuovo mezzo di trasporto per la Valle Strona. Si tratta di un nuovo pulmino di 19 posti Iveco Euro 5 con piattaforma per disabili. Il mezzo di trasporto sostituisce uno dei due mezzi utilizzati per il servizio pubblico che si sdoppia in due corse: una che da Omegna sale fino a Germagno e l’altra che raggiunge Forno, l’ultimo paese abitato. L’acquisto è stato compiuto dall’assessorato ai Servizi Associati della Comunità montana Due laghi, Cusio Mottarone e Valstrona a cui fa capo Carlo Quaretta. «Anche in regime di ristrettezze economiche abbiamo mantenuto l’impegno a favore dei piccoli paesi di montagna, sicuramente più penalizzati rispetto ad altri - ha precisato Quaretta - Il servizio per la Valle Strona è stato attivato nel 1982 e da allora ha sempre funzionato. L’usura dei mezzi di trasporto richiedeva la nostra attenzione e anche questa volta abbiamo risposto affermativamente». La Comunità montana attuale nasce dalle ceneri delle tre precedenti realtà convogliate assieme sotto un’unica direzione presieduta da Paolo Marchesa Grandi. Nell’anno 2010 la maggior parte dell’attività è stata dedicata all’attività amministrativa e di unificazione con la confluenza di tre bilanci in un unico. I trasferimenti dallo Stato sono stati ridotti di 260.442,61 euro e le risorse regionali hanno subito un aumento di soli 53.000 euro. «Malgrado questo l’Amministrazione ha provveduto al mantenimento dei servizi rivolti alla popolazione e ai Comuni tagliando quasi completamente i contributi a fondo perduto - ha aggiunto Marchesa Grandi -Tanti i progetti e le iniziative portate avanti dall’ente montano, alcune delle quali già avviate dai predecessori. Siamo molto attenti alle popolazioni delle nostre realtà e ci impegneremo a garantire il più possibile i servizi ad essi dedicati», ha concluso il presidente Marchesa Grandi.

Luisa Paonessa

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato

Articolo di: lunedì, 14 febbraio 2011, 7:06 p.
^ Top