Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 18 dicembre 2017
Articolo di: venerdì, 09 novembre 2012, 1:35 p.

Vergano di Borgomanero, residenti preoccupati per l'ipotesi discarica di amianto

Il caso Cumiona in primo piano all'incontro tra Amministrazione e residenti della frazione

BORGOMANERO - L’ex Chiesa Parrocchiale di Vergano da tempo trasformata in sala polivalente ha ospitato giovedì sera un incontro tra gli amministratori comunali e la frazione. Incontro che com’era del resto prevedibile è stato quasi tutto incentrato sull’ipotetica riapertura in località “Cumiona”, sopra Vergano di una discarica di rifiuti speciali , tra cui anche  amianto. Il problema era già stato discusso la scorsa settimana dal Consiglio comunale che all’unanimità aveva espresso parere negativo alla richiesta che sarebbe stata avanzata in tal senso alla Provincia di Novara dalla ditta “Savoini rag. Luigi di Savoini Giuseppe &C “ con sede a Borgomanero che nella zona gestisce dal 1997 una cava per la coltivazione di caolino, minerale utilizzato sia nell’industria della carta sia in quella specializzata della produzione della ceramica e della porcellana. Per la riapertura della cava la ditta a settembre ha inoltre presentato in Regione una richiesta di “rinnovo concessione mineraria” per il periodo 2012-2027. All’incontro di giovedì sono intervenuti il Sindaco Anna Tinivella, il vice Sindaco Sergio Bossi, l’assessore all’urbanistica Pierfranco Mirizio e i consiglieri comunali Elisa Zanetta e Andrea Zanetti (consiglieri di maggioranza) oltre ad Hassan Pagano consigliere del Pd. Il Sindaco a nome dell’amministrazione comunale ha ribadito il “no” già espresso in Consiglio comunale , aggiungendo però “che non è il caso di fasciarci la testa prima di romperla in quanto non c’è ancora nulla di concreto”. Del problema se ne parlerà in sede di Conferenza dei servizi e in quella sede, come è stato più volte ribadito dagli amministartori locali, il Comune esprimerà parere negativo. Anche se la parola finale spetterà poi ad altri, Provincia e Regione.

Carlo Panizza


 

 

                               

 

Articolo di: venerdì, 09 novembre 2012, 1:35 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top