Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
domenica, 17 dicembre 2017
Articolo di: venerdì, 09 settembre 2011, 9:06 p.

Vicenda Giacomini: indagini a tutto campo

A cercare di fermarlo, tre persone

NOVARA - Sono ancora senza un’apparente spiegazione l’aggressione di cui è stato vittima, mercoledì sera, l’imprenditore Corrado Giacomini, 56 anni, titolare dell’omonima impresa di San Maurizio d’Opaglio.

L’episodio, a Orta San Giulio, lungo la strada che stava riportando a casa dal lavoro in azienda l’imprenditore, che, da anni, risiede con la famiglia in una villa ottocentesca in via Gemelli.

Un vero agguato a pochi passi da casa, con tanto di spari in direzione della macchina sulla quale viaggiava l’imprenditore, quando questi ha accelerato, fuggendo dai malviventi.

Sulla vicenda sono in corso indagini serrate da parte dei Carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Novara, della Compagnia di Arona e della stazione di Orta, militari coordinati dalla Procura di Verbania. Sul posto, per i rilievi del caso, anche il personale del Nucleo rilievi scientifici dell’Arma di Novara. Indagini che, condotte nel massimo riserbo, al momento, non escludono alcuna ipotesi, da un tentativo di rapina sino a un possibile tentativo di sequestro, ma tutto, come detto, è ancora sotto l’attenta lente degli inquirenti.

L’aggressione si è registrata lungo via San Quirico, stradina isolata e particolarmente stretta che porta nella zona del cimitero di Orta.

A cercare di fermarlo, tre persone, che, dopo aver sparato alla vettura in risposta alla fuga dell’imprenditore, si sono dileguate. Non si esclude che possano aver avuto a disposizione un’auto con la quale fuggire in qualche punto limitrofo all’area dell’aggressione (forse con a bordo un altro complice).

La famiglia, raggiunta venerdì pomeriggio telefonicamente, preferisce mantenere il massimo riserbo e non rilasciare dichiarazioni.

Obiettivo principale di Carabinieri e magistrati, adesso, è capire quali fossero le intenzioni dei tre malviventi. Sono molti i dettagli ancora in fase di accertamento e le indagini sono a tutto campo.

Monica Curino

Articolo di: venerdì, 09 settembre 2011, 9:06 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top