Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 18 dicembre 2017
Articolo di: lunedì, 05 novembre 2012, 3:13 p.

Briga Novarese, inaugurato il Parco della Rimembranza

Cerimonia sentita in occasione delle celebrazioni per il 4 Novembre

BRIGA NOVARESE – E’ stato un 4 novembre speciale quello di Briga Novarese. Oltre a rendere omaggio ai Caduti in guerra, come in tanti Comuni del territorio, la ricorrenza è stata l’occasione per inaugurare il nuovo Parco della Rimembranza. “E’ importante e significativo perché oggi noi siamo qui a ricordare, a rendere omaggio, a dimostrare la nostra riconoscenza a giovani che hanno sacrificato la loro vita per il bene di tutti. Non vuole essere retorica questo ripetere parole come Ricordare, Rendere omaggio, Dimostrare la nostra riconoscenza. Anzi, è giusto, anche in tempi difficili come questi aver speso dei soldi per realizzare il Parco della Rimembranza, in sostituzione del vecchio parco oramai veramente dissestato” ha detto il sindaco Rosanna Bellosta, alla cerimonia. I lavori sono cominciati nel giugno del 2011, quando dalla Regione è arrivato un contributo che ha integrato le risorse comunali. Il progetto dell’opera, diviso in due tronconi, ha permesso di dare una sede più dignitosa al monumento ai Caduti e di mettere in sicurezza l’accesso al Cimitero di Briga. Per ricordare i Caduti ora ci sono cippi di diversa altezza, preceduti da una lapide con tutti i nomi dei giovani brighesi morti in guerra. Un ricordo speciale è andato al Cavalier Battista Poletti, scomparso in agosto, reduce del forte russo e dei lager, che aveva già realizzato il monumento ai Caduti di via Roma e che tanto desiderava il nuovo parco.

Lucia Panagini

 

Articolo di: lunedì, 05 novembre 2012, 3:13 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top