Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
venerdì, 15 dicembre 2017
Articolo di: martedì, 08 maggio 2012, 4:56 p.

Dal Csv nuova opportunità di finanziamento per le associazioni

A disposizione 40mila euro per progetti sul territorio

NOVARA - Una nuova opportunità di finanziamento per i progetti delle organizzazioni di volontariato del territorio, che mette a disposizione del sociale 40mila euro, l'illustrazione del bilancio sociale 2011 e la presentazione del nuovo consiglio direttivo.

E' quanto è stato delineato alla sede del Centro servizi per il volontariato della provincia di Novara dal presidente, appena rieletto, Bruno Franco Ferraris, dai vicepresidenti Vittorio Pernechele (per Novara, anche lui riconfermato come Ferraris) e Daniele Giaime (per l'area nord della provincia). Con loro anche il direttore del Csv, Andrea Bassetti. Erano presenti anche altri membri del consiglio direttivo (Giovanna Alloni e Daniela Forti per l'area nord del Novarese, e Luciano Codazzi).

«Il nuovo bando – ha spiegato Ferraris – è stato emesso da poche settimane ed è denominato “Bando di Idee 2011”. E' rivolto al sostegno di idee che possano trasformarsi in progetti con un impatto significativo sul territorio. Un bando che scade tra non molto, il 15 giugno. Per questo lo presentiamo e lo promuoviamo, così che tutte le associazioni ne vengano a conoscenza. Le idee vincenti saranno sviluppate in sinergia e con il supporto del Csv. L'importo massimo finanziabile è pari a 20.768,64 euro».

Possono partecipare associazioni di volontariato iscritte o iscrivibili al registro provinciale del volontariato, con sede legale o operativa nel Novarese e costituite da almeno 6 mesi alla data di emissione del bando, 24 aprile 2012.

Bassetti ha illustrato il bilancio sociale, che viene svolto e presentato da sei anni. «L'obiettivo – ha evidenziato Ferraris – è far conoscere quanto fatto durante l'anno alle associazioni e ai stakeholders, a coloro che possono collaborare con noi in iniziative e attività. La nostra è un'azione di servizio e di consulenza». Sette i punti strategici perseguiti nell'anno dal Csv: sostegno all'attività ordinaria delle Odv, garantire formazione trasversale e specifica sia di base sia evolutiva, aumentare le entrate e i fondi a disposizione delle Odv, rendere più concreto e efficace il lavoro di rete (progettualità sociale), promuovere la cultura della solidarietà tra i giovani, migliorare le fasi di gestione delle Odv e migliorare la visibilità del settore, animando il territorio e facilitando l'incontro con i cittadini. Iniziative che il Csv è riuscito a mettere in atto, pur con i continui e pesanti tagli al settore. Nel 2010 erano a disposizione 800mila euro, nel 2011 si è scesi a 418mila.

«Abbiamo erogato – ha rilevato Bassetti – 323 servizi di consulenza, 196 servizi integrati e quasi 2mila servizi di base. Grande successo ha registrato la scuola di volontariato, realizzata con la Provincia e con la facoltà di Economia, ma anche il convegno sulla giustizia riparativa. Abbiamo partecipato all'osservatorio provinciale sulle mafie, cui abbiamo rinnovato l'adesione anche per il 2012. Abbiamo poi continuato gli stages di volontariato, che coinvolgono associazioni e studenti di tutte le scuole superiori».

Infine, Ferraris dà la notizia dello spostamento dei locali del Csv: «a breve lasceremo questi spazi e ci trasferiremo nell'ex sede del Quartiere Centro. Analogo accadrà per i locali di Borgomanero, che si trasferiranno dalla sede della Soms ai locali che ospitano il coordinamento delle associazioni socio-assistenziali-sanitarie Nord, della zona di Arona e Borgomanero».

Monica Curino

Articolo di: martedì, 08 maggio 2012, 4:56 p.
^ Top