Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 18 dicembre 2017
Articolo di: venerdì, 21 settembre 2012, 2:33 p.

Escalation di furti a Maggiora

Preso di mira anche il magazzino comunale

MAGGIORA – Inquietante escalation di furti a Maggiora. Nelle ultime due settimane almeno una decina di abitazioni sono state prese di mira dai “soliti ignoti”. La maggior parte dei “colpi” è stata messa a segno in pieno giorno quando i proprietari degli immobili non erano in casa. Ma in almeno due circostanze i furti sono stati messi a segno in piena notte.
“Non ci siamo accorti di  nulla – è il racconto di una 
delle vittime che abita in via Ceresoli – ma al mattino quando io e i miei famigliari ci siamo svegliati eravamo un po’ intontiti”. Probabilmente gli autori del furto avrebbero narcotizzato le loro vittime per poter agire indisturbati. I ladri hanno messo a soqquadro l’alloggio ma non trovando denaro o altri oggetti di valore se ne sono andati portando via un’apparecchiatura sanitaria utilizzata per la misurazione della glicemia.
In un’altra casa poco distante nella 
stessa notte i ladri sono stati più fortunati e sono riusciti ad impossessarsi di alcuni oggetti di valore.
I “soliti ignoti” non hanno 
neppure risparmiato il Comune: dal magazzino comunale situato nei pressi del campo sportivo sono state trafugate diverse attrezzature utilizzate dagli operai del cantiere comunale. “Abbiamo denunciato il fatto ai Carabinieri della Tenenza di Borgomanero – ci ha detto in proposito il vice Sindaco Riccardo Fasola – chiedendo contemporaneamente un rafforzamento dei controlli sul territorio per stroncare il fenomeno di furti che sta legittimamente preoccupando la popolazione”.

Carlo Panizza

Articolo di: venerdì, 21 settembre 2012, 2:33 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top