Corriere di Borgomanero

Periodico Indipendente di Borgomanero, Cusio e Bassa Sesia

montipo

Il giornale di Oggi

Sfoglia abbonati
lunedì, 18 dicembre 2017
Articolo di: mercoledì, 08 febbraio 2012, 8:12 p.

Gelso: albero da riscoprire e ricercare

Percorso di iniziative itineranti da febbraio a marzo

NOVARA - Il Piano di Valorizzazione Territoriale “Riso di vino e d’acque”, coordinato dall’Atl della Provincia di Novara, promuove un percorso di iniziative itineranti in tema di gelsi-bachicoltura, da febbraio a marzo, realizzato in collaborazione con il Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino e il Dipartimento di Colture Arboree dell’Università degli Studi di Torino che hanno ideato e concesso la mostra “Il Gelso: albero dimenticato nel paesaggio agrario piemontese… e il suo legame con il baco da seta”. 
Attorno a tale mostra si snoda il percorso che prevede un convegno, uno spazio espositivo, una conferenza tematica e una lezione magistrale. Le iniziative consentiranno, in particolare, di riscoprire l’albero del gelso e l’allevamento del baco da seta, anche attraverso l’approfondimento storico, scientifico e paesaggistico di una realtà profondamente radicata nel Novarese fino all’Ottocento. 
Mascotte delle iniziative sarà l’albero di gelso realizzato dagli allievi della Scuola Primaria dell’Istituto Comprensivo di Carpignano Sesia che lo porteranno al Museo del Baco da Seta di Cressa.  Il primo appuntamento è a Carpignano Sesia, antico mercato dei bozzoli del baco da seta, l’11 febbraio: alle ore 10 nella Chiesa di S. Pietro in Castello il convegno con interventi di esperti dell’Università di Torino e del Museo Regionale di Scienze Naturali e di storici del territorio e alle ore 12 nella Sala del Consiglio in Palazzo Municipale l’inaugurazione della mostra che sarà aperta al pubblico fino al 26 febbraio. Poi la mostra si sposterà a Cressa : il 3 marzo alle ore 11 sarà inaugurata nel Museo Didattico del Baco da Seta dove sono previsti laboratori per scolaresche e visite guidate. Una festa dedicata al gelso e al baco da seta chiuderà la mostra il 18 marzo alle ore 15. 
Seguirà il 15 marzo alle ore 10 a Novara, presso l’Aula Magna dell’Istituto Tecnico Agrario “G. Bonfantini”, la conferenza tematica che approfondirà anche le trasformazioni del paesaggio agrario Novarese con il contributo delle Istituzioni torinesi, di esperti, dell’Istituto “Bonfantini” e dei suoi studenti che presenteranno una ricerca. 
Infine il 19 marzo alle ore 10 a Novara, presso l’Aula Magna dell’Ipsia “Bellini”, la lezione magistrale in tema di sericoltura rivolta agli studenti del corso di moda che presenteranno le loro realizzazioni. 
La mostra allestita dal Museo Regionale di Scienze Naturali oltre ai contribuiti del PVT, dei Comuni di Carpignano Sesia e Cressa, del Museo Didattico del Baco da Seta, delle Scuole primarie di Carpignano dell’I.C. “P. Fornara” e di Cressa dell’I.C. “G. Ferrari” di Momo, dell’ATL della Provincia di Novara con l’Associazione culturale “Progetto Tanzio”, sarà arricchita da oggetti prestati dai Musei Etnografici di Romagnano Sesia e di Oleggio e da cittadini, da immagini e documenti forniti da scuole, comuni, cittadini e Associazioni culturali del territorio e da elaborati del bando PVT sul gelso prodotti dall’IC di Carpignano, dall’IIS Bonfantini e dalla Scuola Primaria di Gozzano. Ulteriori dati e conoscenze verranno da una ricognizione realizzata con il contributo delle Scuole della rete e di Comuninrete con focus sulla presenza di piante da gelso negli spazi verdi delle Scuole e dei Comuni delle Terre: i risultati saranno resi disponibili nella mostra e nei convegni.

Redazione online

Vuoi saperne di più? Leggilo sul Corriere di Novara in edicola lunedì, giovedì e sabato 

Articolo di: mercoledì, 08 febbraio 2012, 8:12 p.

Dal Territorio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio

Era di Maggiora una delle "madri" del movimento operaio
MAGGIORA - Abigaille Zanetta era nata a Suno nel 1875, ma la sua famiglia, il papà Bartolomeo e la mamma Maddalena Marucco,  era originaria di Maggiora. E sempre a Maggiora  iniziò la sua carriera professionale come insegnante presso il locale Asilo Infantile. Attività questa che non l’avrebbe fatta assurgere agli onori della cronaca tanto da essere(...)

continua »

Altre notizie

^ Top